Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'arpino'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Discussioni generali
    • Comunicazioni dallo staff
    • Presentazioni
    • Aiuto, proposte, segnalazioni sul forum
    • Fuori tema
  • Fotografia
    • Critica foto
    • Progetti fotografici e reportage
    • Tecniche fotografiche
    • Post-produzione e fotoritocco
    • Luoghi fotografici
    • Tutto il resto
  • Dopo lo scatto
  • Fotocamere, obiettivi e altro
    • Sull'equipaggiamento
    • Le vostre recensioni
  • Sfide
    • Sviluppa questo RAW!
    • Sfide fotografiche a tema

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito web


Yahoo


Skype


Dove vivi?


Interessi

Found 21 results

  1. Guest

    Giovane massaia ciociara

    Rientro dopo qualche mese con una foto di un genere per nulla mio, e che mi diverto a fare solamente poche volte l'anno. In questo caso ero al Gonfalone di Arpino (FR), una sorta di palio tra i quartieri del comune (piccolo, circa 7000 abitanti), in cui per 4 giorni vengono organizzate gare e altre manifestazioni a tema "ciociaro". In particolare il venerdì, prima delle gare, le varie contrade organizzano nel centro storico delle rappresentazioni in costume dedicate ai mestieri, le usanze o situazioni tipiche del folklore locale. Per l'occasione anche chi non partecipa alle rappresentazioni o all'organizzazione, cerca comunque di vestirsi col costume tradizionale di queste zone, a partire dalle "cioce", le scarpe che danno il nome alla regione. Se ad agosto non sapete cosa fare e non siete lontani dal Lazio, vi suggerisco di fare un salto a questa manifestazione, vale veramente la pena e livello fotografico (al venerdì segue la corsa degli asini il sabato, nelle vie del centro storico, e le altre gare tipiche la domenica). In più lo stesso comune è paesaggisticamente e architettonicamente molto molto bello e fotografico. *fine momento pro loco* Eccovi la foto: Gonfalone di Arpino: Humans of Arpino by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Tair-11A 135mm f/2,8, a mano libera. Exif: Av, f/2,8, 1/4000, 500iso In PP: tutto su LR, poco e niente in fin dei conti. Conversione e contrasto, un filtro radiale per rendere più leggibile il viso. Un po' di vignettatura.
  2. Come qualcuno di voi sa, anche per aver partecipato ai raduni "romani", gestisco da un annetto e passa un gruppo Facebook, denominato "estremisti vintage", dedicato all'uso del materiale fotografico d'annata, obiettivi e macchine fotografiche. Al di là del nome, non abbiamo nulla di estremo: siamo semplici appassionato di fotografia che, per ora, sono andati in giro per Roma (e in Sardegna e in Piemonte, organizzati da altri admin) a far foto. Ecco, ora stavo provando ad organizzare un raduno dalle mie parti: una votazione interna ha deciso che il giorno in cui provare ad organizzare è Domenica 29 maggio. Se qualcuno fosse interessato a farsi un giro fra Arpino, Isola del Liri e Posta Fibreno (queste per ora le mete quasi certe), faccia un fischio pure di qua L'idea è di stare insieme dalle 10 - 10:30 del mattino fino a quando vi va (possibilmente fino al post-tramonto, che sarà piuttosto tardo vista la data).
  3. Guest

    Monte San Giovanni Campano

    A far "coppia" con la foto precedentemente postata c'è questa, fatta dallo stesso punto, con lo stesso obiettivo (lo Jupiter 21M 200/4) ma con un soggetto più lontano: il comune di Monte San Giovanni Campano (uno dei "borghi più belli d'Italia) incorniciato negli Appennini. Ormai avete visto innumerevoli volte la valle di Arpino, ma quelle montagne lì sullo sfondo spesso e volentieri non sono visibili, neanche parzialmente. Quel giorno la foschia era molto bassa e il cielo limpidissimo, ed i monti sono finalmente apparsi nella loro piena bellezza. Dopo le inani chiacchiere, eccovi la foto: Monte San Giovanni Campano by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Jupiter 21M 200/4, a mano libera. Exif: Av, f/5,6, 1/125, 200iso In PP: metodo Ramelli su LR, conversione su Silver Efex, una marea di interventi selettivi su LR per abbassare la foschia lungo i bordi della collina più vicina. Aggiunta del viraggio e della cornice per far coppia con la precedente foto postata.
  4. Guest

    Appennini

    Continuando a recuperare un po' di foto di questi due mesi, vi propongo questa, scattata come al solito andando al lavoro. Prima di uscire mi sono chiesto "ma perché sempre grandangoli e mediotele? Eppure fino a qualche anno fa adoravi i teleobiettivi" e così pensando (sì, lo so, sono pazzo a parlare con me stesso...) ho deciso di portarmi il chiletto dello Jupiter 21M 200mm f/4 dietro. Lo J-21 è un obiettivo russo costruito come un carroarmato (o più probabilmente CON un carroarmato) che ha una resa decisamente nitida ed interessante sia a diaframma aperto che chiuso. Per anni l'ho usato tantissimo, nel 2015 invece non è quasi mai uscito di casa, senza un motivo preciso. Portandolo in giro, però, ho riscoperto il piacere di usarlo. Dopo le solite lunghe chiacchiere, eccovi la foto: Gli Appennini / The Apennine Mountains by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Jupiter 21M 200mm f/4.0 a mano libera. Panoramica di due scatti, per un 17mpx 6x7. Exif: Av, ƒ/5.6, 1/1000, 80 iso In PP: metodo Ramelli su LR, conversione su Silver Efex, ultimi ritocchi selettivi ancora su Lightroom. Aggiunta di un leggero viraggio freddo e cornice sempre su LR.
  5. Guest

    Cielo e terra

    Non ci crederete mai ma... ho fotografato ancora la valle dal belvedere del parcheggio; niente, non posso stare più di una settimana senza scattarle qualche foto: fra nuvole, luci particolari, scie di auto, foschia, nebbia, pioggia e neve, mi appare sempre diversa e interessante. In più la sto utilizzando per affinare le mie tecniche di HDR + Panorama, che mi stanno dando molta soddisfazione, soprattutto perché mi danno molta libertà di composizione senza ricorrere al ritaglio, mantenendo così una qualità piuttosto alta. In questo caso ho scattato 15 foto, cioè tre foto orizzontali (in basso, al centro, in alto) moltiplicate per 5 scatti in bracketing; in questo modo riesco ad ottenere un orizzonte dritto col fish-eye, e anche un effetto prospettico in alto ed in basso, che regge bene anche l'eventuale defishing. Eccovi la foto: Cielo e terra / Sky and ground by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 10-17 fish-eye @ 17mm, a mano libera. 15 scatti (3x5 panorama x bracketing), HDR e panoramica. Exif: Av, f/7,1, 1/50, 100iso per gli scatti centrali. In PP: tutto in LR. Montaggio degli HDR e poi della panoramica, e solite cose a partire dal metodo "Ramelli". Poi la solita serie di filtri locali, in particolare un radiale sulla parte più in luce e sotto la foschia per renderla più evidente. Esportazione e media maschera di contrasto.
  6. Guest

    Centro storico di Arpino

    L'ennesima (ormai non le conto più) foto scattata andando al lavoro ad Arpino (FR). Sono tre anni che cercavo di fare questo scatto, ma non trovavo mai il punto giusto nella passeggiata che mi porta allo studio, né la focale giusta da abbinarci. Due settimane fa finalmente l'illuminazione e il punto giusto: senza alberi a dare fastidio, ma con abbastanza alberi da fare la cornice; senza pali della luce, senza dover sacrificare troppo il centro storico, ma neanche fotografare i palazzi più moderni e meno belli. Il tutto con focale di 85mm (che si rivela una delle mie preferite in assoluto, su aps-c). Magari la foto non vi sembrerà nulla di che, al massimo una cartolina, ma vi giuro che ho provato ad inquadrarla così almeno un paio di volte a settimana negli ultimi 2-3 anni. E ho migliaia di tentativi a dimostrarlo Eccovi la foto: Arpino - Centro Storico / Town Center by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Pentax F 1,7x Af Adapter + Pentax 50/1.4 a mano libera. Exif: Av, f/6.3, 1/125, 400iso, esposizione spot bloccata accanto al punto di maggiore luminosità, tra cielo e paese. In PP: lieve crop e solite cose (Ramelli, contrasto, bilanciamento cielo, filtri radiali per esaltare alcuni punti), più della vignettatura alla fine. Esportazione e media maschera di contrasto sul jpg.
  7. Guest

    Rossore sulla valle

    Sempre la solita valle, sì. Non ci posso fare nulla, mi ispira fotografia ogni volta che ci vado In questo caso lo scatto è stato del tutto improvvisato: ero passato ad una mostra/concorso fotografico a guardare un po' gli scatti degli altri (e la resa delle mie foto), ed al ritorno stava scendendo velocemente il tramonto, con una gran dispersione di colore rosso causa diffusissima foschia. Ho appoggiato la fotocamera sul parapetto del belvedere, con il Mir-10A 28mm f/3,5 montato (il penultimo acquisto) e ho scattato un po' di foto cercando di cogliere la bellezza della scena. Diaframmi chiusi, e iso per arrivare a 30s senza dover scomodare la posa B (non ero abbastanza comodo per mettermi ad aspettare vari minuti, ma non volevo rinunciare ad un po' di mosso nelle nuvole). La lavorazione è stata abbastanza difficile, visto che per recuperare contrasto e leggibilità ho dovuto un po' calcare la mano, creando qualche artefatto di troppo, ma soprattutto provocando molto rumore; non potevo fare altrimenti per rendere la scena d'impatto come l'avevo vista, la foschia perdona gli occhi ma non il sensore Eccovi la foto: Rossore sulla valle / Red Haze on the Valley by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Mir-10A 28mm f/3,5 Exif: Av, f/11, 30s, 400iso In PP: tutto su LR. Solite cose di routine, assieme al metodo Ramelli. Poi, su questa base, una trentina di filtri radiali ed una mezza dozzina di filtri digradanti per sistemare specificatamente tutte le zone della foto, bilanciandone esposizione e colorazione. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  8. Guest

    Ancora la solita valle

    Siamo arrivati alla serie di pubblicazioni finali dell'anno, una sorta di "meglio di" degli ultimi sei mesi; mi ero tenuto qualche foto da parte proprio per terminare l'anno in bellezza (spero ); ovviamente tutti gli scatti sono di paesaggio o giù di lì, ma su questo penso ci fossero pochi dubbi. E ancora una volta, e non sarà l'ultima, il solito scatto dal solito belvedere del solito parcheggio del mio solito lavoro: lo so, magari voi direte -Ma non ti stufi mai? Ma sempre la stessa scena?-, purtroppo però mi tocca rispondere -E che ci posso fare, a me piace e poi cambia continuamente...-. E quindi vi tocca sopportare di nuovo la foto dal belvedere di Arpino (FR). Ovviamente, nel caso specifico, ho scattato vista la presenza di quella particolarissima nuvola a metà del cielo. Eccovi la foto: Nuvola bassa / Low Cloud by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 10-17 @ 17mm, a mano libera. Exif: Av, f/8, 1/250, 80iso In PP: tutta in LR e nulla di speciale
  9. Guest

    Caldo e freddo

    E per l'ennesima volta condivido con voi una foto della solita valle, già fotografata da tutte le angolature, che rimane il mio soggetto preferito in quanto si può (si deve...) osservare dal Belvedere prospicente il parcheggio in cui lascio la macchina quando vado a lavoro. Se la mattina il cielo è interessante (nuvole, pioggia, nebbia, neve) non manco mai di portarmi dietro la fotocamera sperando in qualche scatto appena meno banale della media In questo caso mi sono svegliato che pioveva a sprazzi, col cielo combattuto tra nuvoloni, nuvolette e azzurrino pacato. E quindi... fotocamera al collo e via a lavoro. Al rientro mi si è presentata questa scena, e ho cercato di valorizzarla al meglio delle possibilità del momento: mi ha subito colpito la differenza di colore tra le nuvole bluastre e il fumo acre del camino di una delle case a valle, anche perché le nuvole sembrano formare una sorta di "mano", ed il fumo una strenua resistenza contro il freddo arrembante. Avevo con me solo il 25-45/2.8-3.5, quindi non potevo stringere più di tanto, e ho dovuto croppare non poco in post-produzione, anche solo per ridurre il formato al 6x7 che mi sembrava più adatto e piacevole, e meno dispersivo. Eccovi la foto: Fumo caldo e nuvola fredda / Hot Smoke and Cold Cloud by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Zenith VarioZenitar 25-45/2.8-3.5 @ 45mm, mano libera. Exif: Av, f/8, 1/160, 80iso. In pp: ritaglio 6x7 e crop ulteriore a stringere l'inquadratura. Solite cose (contrasto, curve, bilanciamento del bianco) ed un paio di filtri radiali a calcare la mano sui colori divergenti. Un filtro digradante messo in diagonale per aumentare la leggibilità del terreno. Esportazione in .tiff su PS, riscalatura interpolata per riportare la foto a 16mpx (in via sperimentale, vorrei vederla stampata), reimportazione su LR, maschera di contrasto adeguata, nuova esportazione in .jpg ridimensionato per flickr.
  10. Guest

    Ape blu

    Forse la foto sarebbe stata bene anche in street, ma considerato che ho aspettato 2-3 minuti che la strada si liberasse da persone e/o macchine in movimento, la metto in architettura (che mi pare sia intesa anche come "paesaggio urbano"). Se al mod di sezione (che magari sono io e non me lo ricordo...) non va bene, che si sposti pure Continuo a rimestare un po' l'archivio delle ultime pubblicazioni con il solito scatto fatto tornando dallo studio dove lavoro al parcheggio. L'idea credo sia comprensibile: quel giorno c'era una luce particolarmente gialla (nuvoloso e aria carica di sabbia, credo) che ha esaltato il giallo naturale degli edifici, a cui ben si opponeva il blu dell'Ape Piaggio (che già da sé trovo che sia un bel soggetto fotografico, normalmente). Ho lasciato pubblicità, segnale stradale e scritta "cassinate" sul fondo perché più che elementi di disturbo servano a contestualizzare l'aria di paese attuale, in opposizione ad una scena che poteva essere scattata anche 50 anni fa Eccovi la foto: Ape blu / Blue "Ape" by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 18-55 WR @ 28.1, mano libera. Exif: Av, f/7.1, 1/60, 125ISO In PP: tutto in LR. Ritaglio 4:3 (a memoria) dopo raddrizzamento della prospettiva. Contrasto, aumento vividezza e abbassamento saturazione, curve. Un paio di filtri radiali (uno all'interno dell'arco, uno inverso per l'esterno), più un altro filtro radiale sull'Ape, per cercare di bilanciare e rendere più leggibile il tutto (chiarezza, nitidezza, abbassamento contrasto al centro e aumento sulla cornice). Spennellata sul lastricato con chiarezza, contrasto e aumento luci. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  11. E ancora una foto all'ora blu, scattata nella stessa occasione della precedente foto "blu" che già vi ho proposto. La foto è scattata dal Belvedere del comune di Arpino (FR) e riprende (credo) i comuni di Monte San Giovanni Campano e dintorni. Come per la precedente il blu era proprio così blu, in maniera davvero particolare. Eccovi la foto: C'era una volta... / Once Upone a Time... by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Tair 11A 135/2.8, su cavalletto. Exif: Av, f/11, 15s, 100iso. In PP: tutto su Lightroom. Abbassamento lieve della sovraesposizione, contrasto e chiarezza. Un paio di filtri radiali per rendere più leggibile il comune sullo sfondo e meglio esposto l'edificio più vicino. Un filtro graduato sul cielo per bilanciare l'esposizione. Esportazione in jpg e media maschera di contrasto.
  12. Guest

    Valle nebbiosa

    Faccio uno strappo alla regola, e prima di continuare col bianco e nero, vi propongo una delle foto a colori scattata nella giornata nebbiosa della settimana scorsa. Sempre scattando sotto la pioggia, sempre di corsa per andare a lavoro. Per la postproduzione mi sono ispirato in parte alla pittura contrastata di molti vedutisti fiamminghi (e poi italiani) fra 500 e 600 (un tipo di produzione che mi è sempre piaciuta molto a livello estetico), ed in parte alle vedute "toscane" (che se non fosse per la devastazione immobiliare del territorio, la Ciociaria potrebbe in parte ricordare...). Eccovi la foto Valle nebbiosa / Foggy Valley by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 18-55 AL WR @ 55mm, a mano libera. Exif: Av, f/11, 1/100, 200ISO In PP: tutto in LR. Bilanciamento del bianco, un filtro digradante sul cielo con -100 di luce e aggiunta di chiarezza e contrasto, un paio di filtri radiali sulla parte illuminata ed inversamente sul resto della foto (riduzione di contrasto sulla luce, aumento sul resto; viceversa con la chiarezza), un filtro radiale sui monti per ravvivarli e togliere la dominante azzurrina, curve per ribilanciare tutti i contrasti e aggiungere un po' di luce, una leggera vignettatura per evitare che lo sguardo andasse sui bordi ed angoli. Esportazione in .jpg e media maschera di contrasto.
  13. Guest

    Borgo in Blu

    Non è una foto del tutto notturna, ma neanche paesaggio naturale o architettura in senso stretto. Quindi la mettò qui; è scattata subito dopo il completo tramontare del sole, nella cosiddetta "ora blu", probabilmente l'orario che preferisco in assoluto per ambientare le foto di paesaggio. La foto è stata scattata due settimane fa ad Arpino (FR), in una passeggiata fotografica con un altro pentaxiano mio compaesano conosciuto nei mesi scorsi via Facebook (è bello conoscersi grazie a Facebook nonostante si abiti a non più di 1km di distanza...). Visto che ormai la luce cala presto, mi ero ovviamente portato dietro anche un paio di cavalletti alla bisogna. Come al solito non ho pensato a fare una panoramica in fase di scatto, e mi è toccato unire due foto in post-produzione anche se non pensate per essere unite; questa cosa sta diventando una costante irritante nelle mie foto, e sto pensando di farmi un appunto sul cellulare in modo da ricordarmi che esiste anche la panoramica fatta scientemente Eccovi la foto: Borgo in blu / Village in blue by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Tair 11A 135/2.8, due scatti su cavalletto, con telecomando. Exif: Av, f/11, 25s, 100ISO (per entrambi gli scatti). In PP: solite cose in LR, più lo stitching con Microsoft ICE, la ricostruzione di un paio di angoli con GIMP, con clonatura del cielo sul punto di giunzione che non poteva uscire perfetto visto il movimento delle nuvole. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto. Se qualcuno se lo chiedesse: sì, il cielo era veramente così blu, tanto che ne ho ricavato una serie di foto catalogate proprio sotto "blu"
  14. Guest

    Nuvole basse

    Torniamo ai paesaggi classici. Come detto negli ultimi giorni sono andato al lavoro con reflex a seguito (che per fortuna mi entra tranquillamente nella tasca della giacca, i vantaggi di essere un ciccione ), e ho scattato un po' a tutti gli orari: mattina, ora di pranzo, tramonto e sera. La foto che segue è scattata alle 9 di mattina di una giornata quasi totalmente coperta. Adoro le giornate nuvolose e piovose, tanto più se c'è un po' di nebbia e foschia: l'atmosfera, per quanto alla maggioranza delle persone ispiri tristezza, a me mette allegria e soprattutto voglia di fotografare, perché il paesaggio è esaltato all'infinito con questo tipo di meteo. Il rovescio della medaglia è che ho scattato sotto la pioggia, ma per fortuna sono tropicalizzato (intendo io, grazie agli strati di ciccia, non solo la fotocamera) Ho fatto una serie di tre foto (penso ve le proporrò tutte e tre) postproducendole ad imitazione di Ansel Adams, ovviamente nei limiti delle mie capacità Eccovi la foto: Nuvole basse / Low clouds by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + 18-55 WR @ 40mm, a mano libera. Exif: Av, f/11, 1/100, 200ISO In PP: tutto sul LR. Lieve raddrizzamento, conversione in bn, divisione toni per dare il viraggio al selenio, contrasto e chiarezza diffusi, un filtro digradante sul cielo per bilanciarne l'esposizione e drammatizzarlo un po', un filtro radiale sulle montagne per contrastarle, un filtro radiale sulle case al centro per rendere più evidente la luce e la nitidezza di case, coltivazioni e alberi, un filtro radiale sulle nuvole basse per renderle un po' più tridimensionali, correzione curve per dare un contrasto preciso a tutta l'immagine, un minimo di vignettatura per non far correre l'occhio agli angoli. Esportazione in .jpg e lieve maschera di contrasto.
  15. Guest

    Luna Natalizia

    Ci sono ricascato, foto ad alti ISO causa mancanza di cavalletto. Però stavolta sono giustificato: la foto l'ho fatta di corsa uscendo dal lavoro ed andando a prendere l'auto per tornare a casa e già presentarsi con la reflex allo studio non è normalissimo, figuratevi se mi portavo dietro anche lo SpiderPod o il Cullmann... insomma, stavolta o così, o niente. Approfittando della pioggia e delle nebbioline di questi giorni, ho deciso di uscire sempre "attrezzato": il comune dove lavoro è abbastanza caratteristico e con almeno un mezza dozzina di punti panoramici molto belli; ciò significa che con la pioggia ed i cieli nuvolosi, e con la nebbia bassa, diventa tutto fotograficamente interessante. E quindi ho fatto un centinaio di scatti in due giorni (tutti col 18-55, perché è tropicalizzato ed ho scattato sempre sotto la pioggia). Nulla di trascendentale (ma qualche paesaggio mi ha convinto molto), ma che sto a fare qui se non a proporvi le foto su cui ho più dubbi? E quindi: eccovi la foto. Luna natalizia / Christmas Moon by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + 18-55 WR, @18mm Exif: Av, f/3.5, 1/125, 10.000ISO In PP: tutta in LR. Raddrizzamento prospettiva e linee cadenti, lieve ritaglio, conversione in b/n, viraggio su toni caldi (il palazzo anche in realtà è rossastro/arancione/giallo), un filtro radiale sulla decorazione centrale per esaltarla un po', cancellatura di due dei cavi che la reggono. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto. Pochissima riduzione rumore (soprattutto sul cielo) perché il dettaglio è già poco così.
  16. Visto che sono fioccati i lampioni e le lanterne in questi ultimi giorni, vi ripropongo un vecchio scatto (forse già pubblicato l'anno scorso, ma non ricordo con precisione... e comunque eravamo quattro gatti), in cui c'è il mio lampione storto (più curioso, che pensieroso). Foto scattata nella nebbia e sotto la pioggia, perché Pentax è tropicalizzata bene, ma pure io mica scherzo Eccovi la foto: Sotto la pioggia / Under the rain by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 18-55 WR @23,8mm Exif: Av, f/4, 1/30, 6400ISO. In PP: non me la ricordo proprio più, ma poca roba che ancora non sapevo come trattare il bianco e nero. E con la nebbia non serve
  17. Guest

    Suonatori distratti

    La metto in ritratto, benché sia parte di reportage di evento. Sempre dalla stessa manifestazione descritta nella foto precedente, un altro esempio di folklore ciociaro, rappresentato dalle facce smarrite dei due suonatori di organetto. Dico smarrite per non offendere Fuori campo, sulla parte sinistra, era pieno di belle figliole che chiacchieravano/ballavano/si preparavano alla loro parte di rappresentazione (ed ecco spiegata l'espressione persa...). Il ritratto non è il mio genere e qui si vede: una persona intelligente avrebbe fotografato le belle figliole... Ecco la foto: Giovani suonatori / Young musicians by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Tair 11A 135/2.8, a mano libera. Exif: Av, f/2.8, 1/125, 100 ISO, -0,7EV In PP: tutto in LR, piccolo crop per tagliare roba in basso (che ancora spunta), conversione in B/N, contrasto e chiarezza, curve, abbassamento luci per evitare bruciatura, due filtri radiali sui tizi per renderli più leggibili (chiarezza su, contrasto giù, nitidezza su). Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  18. Guest

    Vestizione: la ciocia.

    Questa invece la metto in street/reportage. Ancora dal Gonfalone d'Arpino, ho trovato questo ragazzo intento a vestirsi in paese, cercando di allacciarsi con calma l'infinite strisce di cuoio delle "ciocie", le calzature che danno il nome alla zona della provincia di Frosinone (per l'appunto, Ciociaria). Era interessante anche la "moglie" che attendeva con calma le (in)capacità del ragazzo... Ed eccovi la foto: Indossando la ciocia / Wearing the "ciocia" by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Tair 11A 135/2.8, a mano libera Exif: Av, f/2.8, 1/125, 450 ISO In PP: tutto in LR, piccolo crop, conversione in B/N, curve e contrasti, chiarezza, correzioni selettive per lendere più leggibile il gesto (filtro radiale con minor contrasto e nitidezza). Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  19. Non è assolutamente il mio genere, ma ogni tanto ci provo per non sclerotizzarmi sui tramonti Soprattutto ci provo in quelle manifestazioni che ritengo divertenti ma che, soprattutto, mi permettono di mangiare come un pozzo senza fondo Mentre scattavo queste foto, dalle 18:30 alle 22:00, mi sono scofanato: -tre pizze fritte (sorta di frittellone di 60cm di diametro), di cui una coperta di fagioli con le cotiche; -un ulteriore scodella di fagioli con le cotiche; -un aperitivo al bar (cedrata e stuzzichini vari); -un paio di piatti di fini-fini (una sorta di capellini freschi) col pomodoro; -un piatto di sagne (tipica pasta fresca locale) e fagioli; -due bruschette col caciocavallo colato alla brace e olio al tartufo; -cinque arrosticini; -due salsicce alla brace, con patate al forno; -pane e porchetta; -un paio di porzioni di macedonia; -un gelato. Questo per capire bene lo spirito con cui affronto la fotografia di strada ed il reportage :D Spiega meglio quest'elenco che qualsiasi elenco di exif e macchinari usati. La foto è scattata durante una delle giornate precedenti al Gonfalone di Arpino (FR), una sorta di palio comunale tra contrade; in questa giornata i quartieri erano invitati a presentare una rappresentazione degli "antichi mestieri" ciociari, quindi ogni angoletto del paese era dedicato ad una qualche attività professionale o artigianale. Metà della popolazione era in costume ciociaro (che prende il nome dalla "ciocia", la calzatura che si vede in foto e meglio nel resto del set su Flickr). Comunque, eccovi la foto: Grazia, Graziella e Grazie a chi te campa... / The Three Graces by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Helios 44M 58/2, a mano libera. Exif: Av, f/2, 1/80, 100ISO In PP: solite cose in LR, in GIMP ho cancellato un paio di persone e una fila di sedie sullo sfondo, che mi davano molto fastidio. Mi sono scordato di applicare la maschera di contrasto, ma non fa nulla
  20. Guest

    La luce oltre la porta

    Ero abbastanza indeciso in quale sottosezione pubblicarla, ma alla fine questa è quella che mi sembra più adatta, visto che la foto è scattata con l'occhio da paesaggista, benché sia un dettaglio interno. Nel corso della giornata di Primavera del F.A.I. (Fondo Ambiente Italiano) ho visitato il comune in cui lavoro, Arpino (FR), e che già avevo girato fotograficamente parecchie volte. Nonostante ciò sono usciti fuori miriadi di posti che non conoscevo, sia adatti per la fotografia esterna (con begli scorci mai valutati), sia per quanto riguarda la fotografia architettonica e/o urbana. Uno di questi posti è il Palazzo San Germano (o Palazzo dei Barnabiti), un vecchio complesso già sede di numerose istituzioni pubbliche e private. Ne avevo visitato solo i giardini ed il cortile in occasione di un concerto, ora invece ho potuto fare un giro all'interno, nonostante lo stato di semi-abbandono e le condizioni tutt'altro che buone dello stabile. Fra le tante cose mi hanno colpito le porte, elemento con cui ho un buon rapporto visivo (e fotografico), soprattutto quando solo di legno. Dopo le chiacchiere, la foto. La luce oltre la porta / The Light Beyond the Door di Abulafia82, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, a mano libera. Exif: Av, f/5,6, 1/30, ISO2500 -1EV In PP: tutta in Ligtroom, correzione distorsioni ottiche e prospettiche, ritaglio, conversione in Bianco e Nero, aumento esposizione, contrasto e chiarezza, correzione selettiva delle alte luci della scena attraverso i vetri. Esportazione, sharpening e denoise. Col senno di poi avrei fatto bene a fare un bracketing, 1/30 è un tempo che mi permetteva ancora almeno un paio di stop per esposizioni più luminose.
  21. Ancora dalla Giornata di Primavera del FAI, ancora da Arpino. Ho finalmente colto l'occasione di andare a vedere i due musei del paese: quello dedicato alla Liuteria, arte portata avanti da Luigi Embergher, un maestro nella creazione di mandole e mandolini circa un secolo fa e quello dedicato all'Archeologia Industriale della Lana, che conserva macchinari degli antichi opifici del comune (oltre ad una meravigliosa lettera in dialetto-italiano con cui gli operai nel 1852 si ribellavano al trattamento ad essi riservato). Ho preferito scattare esclusivamente con il Mir 20/3.5 che ha una distanza di messa a fuoco assai ridotta (sui 10-15cm) ed è quindi adattissimo sia a riprese larghe, sia alla ricerca del dettaglio più o meno ambientato. Credo che in questo caso nessuna foto sia particolarmente rappresentativa del set, che quindi linko assieme alla foto che a me risulta più piacevole esteticamente. Ecco il set: http://flic.kr/s/aHsjVw7zSW Ed ecco la foto prescelta (duro ballottaggio con altr). Catena / Chain di Abulafia82, su Flickr Pentax K-5 + Mir 20/3.5, a mano libera. Exif: AV, f/3.5, 1/15, 2500ISO, -0,7EV In PP: poco e nulla: bilanciamento del bianco, contrasto e chiarezza, curve.
×
×
  • Create New...