Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'forca dacero'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Discussioni generali
    • Comunicazioni dallo staff
    • Presentazioni
    • Aiuto, proposte, segnalazioni sul forum
    • Fuori tema
  • Fotografia
    • Critica foto
    • Progetti fotografici e reportage
    • Tecniche fotografiche
    • Post-produzione e fotoritocco
    • Luoghi fotografici
    • Tutto il resto
  • Dopo lo scatto
  • Fotocamere, obiettivi e altro
    • Sull'equipaggiamento
    • Le vostre recensioni
  • Sfide
    • Sviluppa questo RAW!
    • Sfide fotografiche a tema

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito web


Yahoo


Skype


Dove vivi?


Interessi

Found 5 results

  1. Chi si ricorda di me, probabilmente si ricorda quanto mi piacciano i cliché fotografici e le foto stereotipate: ecco, ultimamente non sono cambiato affatto, anzi ho rafforzato l'idea che per divertirmi mi piace scattare foto "sicure", senza dovermi mettere a pensare su come essere originale o "artistico". Quindi, insomma, peggioro di anno in anno. Nel mese scorso mi sono perso il "clou" dell'autunno a causa di qualche impegno di troppo, ma sono comunque riuscito ad andare in giro un paio di volte quando ancora i colori ancora "reggevano". Qui mi trovavo sul valico di Forca d'Acero tra Lazio e Abruzzo, uno dei miei luoghi di scatto preferiti, a circa 1500m slm. L'autunno qui, quando sono arrivato, era già praticamente finito: la quantità di foglie a terra era decisamente superiore a quella rimasta sui rami degli alberi. Meglio così: il tappeto di foglie arancioni mi è sempre piaciuto molto La foto è scattata con un fish-eye perché credo che spesso, quando mancano elementi umani, il fish-eye crei delle proporzioni più credibili dei grandangoli spinti, senza dover rinunciare all'angolo di campo. E' vero che curva le linee dritte, ma lo trovo un problema meno fastidioso delle proporzioni degli ultragrandagolari (per lo meno in determinate situazioni). Diaframma molto chiuso per ottenere la "stellina" sul sole, iso alti perché mi si era appena rotto il cavalletto (in mano...). Eccovi la foto: Autunno a Forca d'Acero / Autumn in Forca d'Acero by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 10-17 fish-eye, a mano libera. HDR da bracketing di 5 scatti, da -3 a +1EV. Exif: Av, f/16, 1/125 - 1/50 a seconda dello scatto, 1000iso per lo scatto più esposto. In PP: tutto in LR. Unione dell'HDR, "metodo Ramelli" per avere un'esposizione piatta, recupero di contrasto sulle curve per ottenere un buon istogramma, aumento della vividezza e diminuzione della saturazione. Diminuzione della chiarezza su tutta l'immagine, per ammorbidirla un po'. Abbassamento dell'esposizione in alto con un filtro graduato, esaltazione del tappeto di foglie con un altro filtro graduato in basso. Vari filtri radiali per rendere più evidenti alcune zone, spennellate per "sistemare" le zone illuminate. Leggera vignettatura ed esportazione in jpg.
  2. Guest

    Startrail ciociari

    Ispirato dal precedente startrail postato, vi propongo questo tentativo di quest'estate, arrivato dopo una serata abbastanza rocambolesca. Come sapete sono in perenne guerra con Zeus che mi preclude la vista delle stelle ogni volta che provo ad uscire per fotografarle, attraverso nebbie, foschie, nubi, piogge o qualsiasi altro evento atmosferico che possa guastare il cielo. Quella sera invece il cielo era limpido, ed ho deciso di avventurarmi a fotografare in montagna la solita Via Lattea. Sono partito, sono arrivato in loco e... ho scordato le batterie a casa (o meglio ne avevo due ma... scariche. Avevo preso le due sbagliate). Sono tornato indietro e ho ripreso le batterie, ripartendo alla volta del valico di montagna. A quel punto però la luna piena aveva ormai superato il profilo dei monti e... ci si vedeva a giorno! Non scherzo, ho passato tutto il tempo delle lunghe esposizioni a leggere un libro al chiaro di luna, senza l'ausilio di luci artificiali. Il che significa che la Via Lattea era, ancora una volta, preclusa. Mi ero portato dietro anche il Pentax OGPS-1, un simpatico GPS-Astrotracer che permette di fare lunghe esposizioni al cielo senza "strisciare" le stelle ma, per gli stessi detti motivi, non sono poi riuscito a provarlo così a fondo. Questa foto però l'ho scattata proprio con l'OGPS-1... e più sotto capirete come. Per ora eccovi la foto: Pentax O-GPS1 test by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 18-55 WR @ 18mm, su cavalletto. Due scatti. Exif: M, f/5,6, 300s (5m), 800iso (x 2). In PP: LR + PS. 1) Innanzitutto ho scattato due foto: -una per il cielo con le stelle FISSE grazie all'OGPS1. In questo modo ho ottenuto un cielo abbastanza pieno di puntini anche in una zona abbastanza illuminata. Visto che l'astrotracer muove il sensore per seguire le stelle, tutto ciò che è a terra appare mosso; -un'altra per il terreno, con le stesse impostazioni, in modo da averlo fermo. 2) Ho importato le due foto su LR e ho corretto l'obiettivo, impostando il bilanciamento del bianco e regolando leggermente l'esposizione; 3) Ho esportato in .tiff le due immagini e le ho unite con PS: ho sovrapposto il cielo fermo sul terreno fermo, ottenendo un'unica immagine con primo piano stabile e cielo con stelle puntiformi. 4) Ho applicato il filtro "startrail" di Photoshop che, partendo dalle stelle puntiformi, ne crea automaticamente la scia (ok, è un imbroglio ma... è più divertente che stare un'ora fermi a fare 100 scatti ). 5) Ho reimportato il .tiff con lo startrail sul LR e l'ho lavorato bilanciandolo il più possibile e cercando di esaltare un po' il cielo, contrastando. 6) Ho esportato in .jpg con lieve maschera di contrasto.
  3. Guest

    Radici d'autunno

    Ed ecco una seconda foto venuta fuori dall'uscita di fine ottobre a Forca d'Acero: anche qui niente di trascendentale, ma quel giorno mi sono voluto divertire molto (e in quello ci sono riuscito ampiamente) con il fish-eye nuovo. La natura è sicuramente il posto migliore dove giocare con un obiettivo cosi particolare, le deformazioni non creano particolari problemi a qualcosa che è già difforme di per sé Mi ero innamorato di queste radici, a cui ho fatto decine di foto. Eccovi la foto: L'autunno a Forca d'Acero by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Pentax DA 10-17/3.5-4.5 @ 10mm, a mano libera. HDR. Exif: Av, f/5,6, 1/40, 80iso (scatto centrale del bracketing). In PP: tutto su LR. Unione in HDR, solite cose e un filtro radiale sulle radici per renderle più leggibili. Un filtro graduato sul cielo per bilanciare ancor di più l'esposizione.
  4. Guest

    Forca d'Acero

    Stavolta pochi giri di parole: un semplice paesaggio montano scattato nell'ora sbagliata ma con i colori giusti Eccovi la foto: L'autunno a Forca d'Acero by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Meyer Gorlitz Lydit 30/3,5 con polarizzatore, a mano libera. Exif: Av, f/8, 1/125, 250iso In PP: tutta in LR e comunque poco e nulla.
  5. Guest

    Monocromo polarizzato

    Come promesso, continuo con le foto scattate nello scorso fine settimana. Avevo intenzione di postarne un'altra, ma questa durante la notte è stata scelta nell'Esplora / Explore di Flickr e quindi la eleggo criticabile anche qua Ormai ho deciso che il viraggio "freddo" al selenio mi piace molto, quindi lo sto usando abbastanza regolarmente per i bianco e neri. La posizione del sole era perfettamente a 90° rispetto all'inquadratura, quindi il polarizzatore ha dato il massimo effetto possibile, era parecchio che cercavo di ottenere un cielo così. Eccovi la foto: Monocromo polarizzato / Polarized Monochrome di Abulafia82, su Flickr Pentax K-5 + DA 18-55 WR @37,5mm, polarizzatore circolare, mano libera. Exif: Av, f/4.5, 1/320, ISO200 Come si nota le impostazioni di scatto sono "sbagliate", perché poco prima stavo fotografando sempre a mano libera una zona nettamente più in ombra, e mi sono scordato di cambiare impostazioni (con il 18-55 mi succede sempre, dannati automatismi ). PP: apertura in Lightroom, bilanciamento del bianco, correzione esposizione, filtro graduato sul cielo per riportarlo all'esposizione del terreno, correzione selettiva dei bianchi delle nuvole. Esportazione in Silver Efex, applicazione di un preset contrastato e del viraggio al selenio, e di nuovo poi in Lightroom per gli ultimi ritocchi (riduzione rumore data dall'aumento della microdinamica della conversione) ed esportazione. Maschera di contrasto sul jpg già ridimensionato.
×
×
  • Create New...