Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'lomo'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Discussioni generali
    • Comunicazioni dallo staff
    • Presentazioni
    • Aiuto, proposte, segnalazioni sul forum
    • Fuori tema
  • Fotografia
    • Critica foto
    • Progetti fotografici e reportage
    • Tecniche fotografiche
    • Post-produzione e fotoritocco
    • Luoghi fotografici
    • Tutto il resto
  • Dopo lo scatto
  • Fotocamere, obiettivi e altro
    • Sull'equipaggiamento
    • Le vostre recensioni
  • Sfide
    • Sviluppa questo RAW!
    • Sfide fotografiche a tema

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito web


Yahoo


Skype


Dove vivi?


Interessi

Found 2 results

  1. Ciao ragazzi, vi pongo un quesito riguardante la modifica tramite photoshop di una foto in maniera "Pellicola vintage". Vi chiedete come mai questa richiesta? Beh, nonostante usi una digitale pentax k30, guardando su Flickr alcuni fotografi mi sono letteralmente "azzeccato" al genere di foto che si ottengono con la pellicola. Vi porto alcuni esempi pratici per capirci meglio: https://www.flickr.com/photos/119944713@N07/ https://www.flickr.com/photos/tobyharvard/ https://www.flickr.com/photos/scudhart/ https://www.flickr.com/photos/hallucination_ph/ questi sono alcuni degli autori a cui faccio riferimento. Beh mentre per la foto "Lomo" è stato abbastanza semplice riprodurre l'effetto partendo da una digitale (aggiungi grana + scurimento zone laterali della foto, aumento della saturazione e sovraesposizione, aggiunta di filtri colorati per esempio cyan, magenta ecc oppure ottenimento di questi filtri tramite il metodo curve andando a modificare i singoli canali Rosso, verde, blu) per questo genere che è una pellicola vecchia non riesco ad ottenere un risultato credibile al 100% (insomma si capisce sempre che deriva da un digitale). Su internet e youtube non c'è nessuna guida che ottiene un risultato credibile. Quindi cerchiamo di ragionare assieme su come è possibile ottenere quest'effetto. Io guardando foto e leggendo diverse guide ho messo assieme diverse modifiche che bisognerebbe apportare: 1)aggiunta della grana tramite una texture; 2)Sempre Curve andando a modificare nello specifico rosso, verde e blu e regolando poi successivamente l'intensità dell'uno e dell'altro 3) aggiunta di qualche impostazione per scolorare per esempio o un tinta unita bianco al 10% massimo, oppure vado su esposizione e aumento lo "spostamento" in positivo in modo che da dare quella patina biancastra scolorata 4)rendo la foto lievemente più sfocata perchè ho notato che le foto di un tempo non hanno quasi mai una perfetta messa a fuoco. Solo che mi sembra sempre che manchi qualcosa. Nello specifico non so come comportarmi con i colori cioè saturazione, vividezza, esposizione e soprattutto se ci manca quel tocco in + per renderla realistica. Grazie per i consigli
  2. Circa un mesetto fa ho recuperato dal seminterrato (che già m'aveva consegnato obiettivi e un po' di Zenith e Praktica 35mm) una Lomo Lubitel 166 Universal, economicissima fotocamera medio formato 6x6 (o 6x4,5). Lomo Lubitel / ЛОМО Любитель - 166 Universal by Abulafia82, on Flickr Per chi non fosse avvezzo al termine "medio formato", sappia che le attuali "full frame" (formato Leica, o formato 135, o 35mm) è il formato più grande del... "piccolo formato". In pratica, ragionando analogicamente a pellicola, le full frame sono il meglio del peggio (ragionando per sole dimensioni), mentre i formati "seri" iniziavano proprio con il medio formato, per passare poi ai grandi formati, adatti a stampe più professionali. Ecco, la Lubitel era la peggiore e la più economica delle medio formato. Economica, tutta di plastica, senza esposimetro, senza gingilli elettronici, totalmente meccanica e manuale. L'unico punto di forza è l'obiettivo, tutto di vetro, ispirato come schema al glorioso schema Tessar di derivazione Zeiss. Un 75/4.5 che equivale ad un normale luminoso per full frame. Non è assolutamente una toy-camera, e può essere usata anche per foto "serie" e non solo per foto acide e lisergiche da moda hipster. Questo è un punto da sottolineare. Come dichiarato più volte, io avevo abbandonato l'hobby della fotografia perché in casa non se ne poteva più dell'analogico, troppo costoso, lento, impiccioso e ingombrante. Ed ho riscoperto la passione fotografica grazie al digitale. La passione però mi ha per ora portato a capire che il medio formato o il grande formato sarebbero per me più adatti per come mi piace fotografare ma, considerando che la medioformato digitale meno costosa viene circa 3000€ usata senza ottiche, e 8000€ nuova senza ottiche, mi è impossibile (e mi sarà impossibile a lungo) far incontrare il mio gusto e il mio portafoglio Quindi... ho ritirato fuori questa, che sul mercato si trova usata fra i 50€ e i 150€, fino ai 2-300€ da nuova (viene ancora prodotta). All'interno della fotocamera c'era ancora una pellicola (12 pose, solo 7 scattate) risalente al 1994. Ne ho approfittato per vedere se la macchina ancora funzionava scattando le 5 foto rimanendi in giro. Non solo la macchina funziona perfettamente dopo 21 anni, ma anche la pellicola al suo interno s'è conservata ottimamente, tanto che ho fatto sviluppare e stampare le foto che vi erano contenute. Il risultato m'è piaciuto così tanto che ho subito comprato un altro rullino (a colori) e ho deciso di riutilizzare, quando possibile, questa macchinetta. Per ora ho scattato 8 foto in una uscita, me ne mancano ancora 4 che credo esaurirò a Pasquetta. Se i risultati saranno decenti, credo che proverò a sperimentarci qualcos'altro, ad esempio non mi spiacerebbe utilizzarla per lunghe esposizioni in bianco e nero... (per fortuna la posa B ancora funziona benissimo, tramite cavo in dotazione). Se volete concedervi lo sfizio di una macchina analogica, ve la consiglio fortemente: non ci sono obiettivi da scegliere, batterie da cambiare, meccanismi strani da imparare. Una ghiera dei diaframmi, una ghiera dei tempi, iso fissi, pulsante di caricamento dell'otturatore, pulsante di scatto, manovella per la pellicola e stop. Un rullino costa circa 5-7€, lo sviluppo circa 3€, la stampa/digitalizzazione circa 10€ per tutto il rullino. Con 50€ di macchina e 20€ a rullino vi togliete lo sfizio di avere foto da medio formato. Magari non la si usa ogni giorno, ma un rullino ogni paio di mesi si può fare in tranquillità Ah, dimenticavo: guardare dal mirino a pozzetto è come guardare da una finestra, nessuna digitale può competere, neanche lontanamente Come una finestra / Like a Window by Abulafia82, on Flickr
×
×
  • Create New...