Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'macro'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Discussioni generali
    • Comunicazioni dallo staff
    • Presentazioni
    • Aiuto, proposte, segnalazioni sul forum
    • Fuori tema
  • Fotografia
    • Critica foto
    • Progetti fotografici e reportage
    • Tecniche fotografiche
    • Post-produzione e fotoritocco
    • Luoghi fotografici
    • Tutto il resto
  • Dopo lo scatto
  • Fotocamere, obiettivi e altro
    • Sull'equipaggiamento
    • Le vostre recensioni
  • Sfide
    • Sviluppa questo RAW!
    • Sfide fotografiche a tema

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito web


Yahoo


Skype


Dove vivi?


Interessi

Found 30 results

  1. Francesca1331

    Tea

    Torteria Berlicabarbis, Via Catania 10 Torino Canon 500D, Iso 400, Tempo di esposizione 1/500 Foto scattata in questa deliziosa torteria...che cosa ne pensate?
  2. Scatta realizzato a mano libera con tubi di prolunga da 24 mm un vecchio Helios 44, Olympus OMD EM10, F11, Iso 1000, T 1/640 luce naturale, pp con PS, commenti consigli e critiche come sempre ben accette. qui lo scatto http://img.gg/ZYLU9Ug
  3. Leggo stamattina che Canon ha presentato una nuova lente 35mm per le APS-C. Si tratta di una lente pensata per la macrofotografia, la cui lunghezza focale effettiva il cui angolo di campo effettivo è di 56mm, con la particolarità che ai lati dell'ottica, sono montate due piccole lampade led che possono essere comandati con un pulsantino sull'ottica stessa, e che permettono di illuminare il soggetto in modo più preciso rispetto ai classici flash ad anello che molti usano a questo scopo. Io non sono un esperto di macrofotografia, anche se qualche volta mi sono divertito con qualche scatto ai miei micronauti, ma dalle foto che sono state diffuse con i comunicati ufficiali sembra un bell'obiettivo. L'articolo da cui ho tratto l'informazione è qui. Voi cosa ne pensate?
  4. Mi piacciono i funghetti minuscoli,purtroppo sono quasi senza dettaglio,la prossima volta dovrei abbassarmi di più in modo di cercare il fuoco all'interno del cappellino,dove ci sono le lamelle...un pò più definite. 90mm f9 1/8 iso100 pp in Lightroom(poco) + una leggera vignettatura chiara per sottolineare la delicatezza... Micro world 2.. by Harma4, on Flickr
  5. Ciao a tutti, Avrei bisogno di un consiglio per l'acquisto di un obiettivo macro che mi permetta una certa distanza di lavoro per fotografare anche insetti e in seconda battuta possa essere valido anche per ritratti. Ho un budget di 200 euri e stavo valutando i seguenti modelli, tutti ovviamente usati: Sigma 105mm vecchio modello non stabilizzato Tamron 90mm (forse troppo corto) Tokina 100mm Kiron 105mm Poi ho visto un inserzione di un vecchio sigma 180mm/5,6 APO sui 150 euro, che come lunghezza sarebbe l'ideale per macro ma di cui in rete ho trovato pochi commenti. Qualcuno per caso lo conosce, forse è troppo buio per utilizarlo anche in ritrattistica? Ho una Nikon D3100 con obiettivi Nikon 18-55 VR e un 50mm Nikon AIS 1.4 Grazie per l'attenzione e saluti. Michel.
  6. Se qualcuno ha esperienza mi può consigliare se per la fotografia macro con ottiche M42 è preferibile l'utilizzo dell'obiettivo PENTACON 50 o DOMIPLAN 50 ? Grazie
  7. Ho appena ricevuto i tubi di prolunga, e non ho resistito dal fare qualche scatto, giusto per capire come lavorano. La macchina è la solita Canon 700D Tubo di prolunga 31mm Obiettivo EF 50mm F/1.8 Scatto in Manuale e a mano libera 1/250 ISO6400 Nessuna PP, a parte un leggero aumento del contrasto. Altri scatti li ho raccolti in questo album, su Flickr (dove 'Fata' e 'Burned' sono stati scattati con l'uso di un Flash ad anello, anche quello arrivato oggi - in realtà un giocattolo da qualche decina di euro, preso più che altro per giocare).
  8. Navigando mi sono imbattuto in quest'ottica a vite M42, ma pare che di informazioni anche in rete ce ne siano pochissime. La resa da quello che ho visto pare buona, abbastanza contrastato e nitido.Ho molta voglia di aquistarlo e provarlo... Qualcuno per caso ne sa un po' più di me e di quello che ho reperito on line?
  9. Guest

    Pioggia blu

    Questa foto è stata scattata in un pomeriggio di un paio di mesi fa, passato in giro a provare gli obiettivi che avevo meno usato nel corso dell'anno, per mancanza di tempo o di occasione adatta. Qualche foto di quella giornata è riuscita particolarmente bene e così l'ho svincolata dalle "prove" pubblicate già da un po' e ne ho riservato la pubblicazione per questo fine dicembre, come dicevo nella foto precedente "per chiudere in bellezza" La foto è scattata all'arrivo di un violento temporale, per fortuna quasi del tutto localizzato nella vallata tra i monti, ed arrivato su di me solo sottoforma di normale pioggia: l'orario era attorno alle 18, verso il tramonto; la pioggia, le nuvole e l'approssimarsi del calar del sole hanno creato questa strana atmosfera blu che non ho voluto correggere. Ed eccovi la foto: Pioggia blu / Blu Rain by Federico Tomasello, su Flickr Exif: Av, ƒ/5.6, 1/10, 80iso. In PP: tutto su LR. Solite cose e un paio di filtri digradanti su cielo e primo piano per bilanciare le esposizioni. Qualche filtro radiale per recuperare qualche alone di troppo dato dal filtro antifoschia che mi è servito a recuperare un po' di contrasto sulla scena.
  10. Buonasera a tutti, incuriosito dalle foto macro ho deciso, giusto per iniziare e sperimentare, di acquistare un set di tubi di prolunga. Dopo varie ricerche ho deciso di acquistare questi qui (LINK), per la modica cifra di 20€ (se ne trovano anche a meno, ma li ho preferiti con il chip per avere il controllo dei diaframmi) Appena mi sono arrivati mi sono subito messo a fare qualche test. Le foto sono state scattate con una Canon 70D, usando il 50mm 1.8 STM Canon, il tutto montato su treppiede. Se ho fatto le cose corrette dovrei aver linkato la cartella dropbox (lo so, ha una compressione del piffero, ma non volevo caricarle su flickr) con all'interno: LINK: https://www.dropbox.com/sh/rna5yss1irbxjn7/AAAMZoZ62fIKZQ8vVyzPbHofa?dl=0 1 Foto con 50mm a f/1.8 e relativo crop 1 Foto col tubo da 13mm a f/13 e relativo crop 1 Foto col tubo da 13+21mm a f/13 e relativo crop Non sono andato oltre perchè ho letto che montando anche l'ultimo il fuoco cade all'interno dell'ottica, devo però provare A mio parere, sono risultati sorprendenti per la spesa effettuata, contando che un modesto Tamron 90mm macro viene sui 400 pezzi da uno. Però chiedo pareri anche a voi, o' amici forumisti :D Ciao Mike
  11. Avevo abbandonato un po' la macro più spinta per dedicarmi ad un qualcosa di più intimo e creativo (che per qualcuno, uno a caso, Abulafia , vuol dire sfumature anche in primo piano e bokeh cerchiettati PS: se volete fare un giro sulla mia pagina FB, capite in realtà a cosa mi riferisco) però ogni tanto la voglia di ingrandire "pornograficamente" un soggetto mi torna... specie quando ha colori così belli come questo in oggetto. Pentax SMC M 50mm f1.7 invertito su aps-c Nikon con tubi di prolunga 1/200", ISO400, f11, flash integrato. "Any colour you like" di Luca De Siena su Flickr
  12. Un foto dell'anno scorso che mi piace condividere con voi, grazie Canon EOS 300D Digital ƒ/10.0 90.0 mm 1/127 100 Menemerus semilimbatus by Riccardo Savona, su Flickr
  13. Inizio a testare la nuova macchina e qualche crop..... non sono riuscito ad eliminare questo alone "verde" sulla foto.... Non conosco la specie dell'insetto, sono molto più forte sui ragni... _BCH4228 by Riccardo Savona, su Flickr ƒ/10.0 90.0 mm 1/250 100
  14. 50mm invertito su 2 set di tubi di prolunga, f11, ISO1000, 1/200", flash no crop Out of the mist (Salticidae) di Luca De Siena su Flickr
  15. Salve a tutti... scusate la lunga assenza ma con la primavera e le lenti giuste mi sto perdendo più nella pratica che nella grammatica! Finalmente con il tamron 90mm ho cominciato a fare anche io foto alle farfalle come le avevo progettate 90mm, f3.3, 1/250, ISO100, mano libera, sfondo e luce naturali. lievissimo (circa 8%) crop compositivo. enjoy qui a qualità superiore: Lightness di Luca De Siena su Flickr
  16. Ciao a tutti, eccomi tornato, dopo un pò di tempo (ma comunque leggevo sempre il forum), a postare una foto by Lego. Sarò sempre grato a questo forum per avermi fatto scoprire la toy photography ed in particolare la fotografia degli omini della Lego. Ecco lo scatto: Dati di scatto: Canon 1000D, ISO 100, F/20 (per avere il più a fuoco possibile l'omino), 1,6 sec, cavalletto Lo sfondo è stato realizzato con un plexiglass di colore rosso, retroilluminato da pilette a led (a sinistra una più grande mentre a destra sono tre di piccola taglia). Inoltre per schiarire le ombre ho usato un piccolo pezzo di polistirolo. Purtroppo per mia distrazione non ho fatto la foto del set e non ho inserito la foto direttamente da flick perchè mi sono accorto che c'erano delle macchie e sono sicuro che a qualcuno del forum non sarebbero scappate . Commenti & consigli sono ben accettati Alla prossima
  17. sembra ieri..piccola.. la raccolgo fredda e immobile tra le foglie secche di novembre 2005, messa in un acquario dismesso con luce calda e un ambiente familiare ed amorevole.. tengo in caldo in uno scatolino sul calorifero i bigattini fino alla trasformazione in mosche grosse e goffe.. ma buone!! a fine aprile del 2006 è di 29 cm. la lascio in giardino non si volta nemmeno a salutare.! Iside6 4 by CamBrivio, on Flickr Olympus Camedia 50/60 aprile 2006 f. 3,2 l.f. 11,5 mm t. 1/25° ISO 200
  18. Ciao a tutti Quello delle macro non è un mondo che frequento molto. Mi piacerebbe fare qualche prova ma è un genere che non mi sembra nelle mie corde. Segnalo però, a tutti voi appassionati, questo trucchetto: http://petapixel.com/2014/09/26/pro-tip-noticeably-improve-macro-photography-cheap-plastic-cup/ Non ho idea se funzioni davvero, ve lo segnalo così come l'ho visto io....e se dite che funziona magari mi vien voglia di provare!
  19. Da poco più di un anno mi capitava di vedere ovunque, all'interno delle gallerie macro dei migliori in questo genere, delle serie di foto che ritraevano soggetti vari ripresi attraverso il loro riflesso nelle gocce. Ora, avendo sperimentato a più non posso la fotografia macro, mi chiedevo come fosse possibile tanta precisione non tanto nella messa a fuoco della goccia, quanto nell'angolazione del soggetto e nel posizionamento dell'attrezzatura per coglierlo nella sua interessa all'interno magari di più gocce. Mi sono scervellato per mesi, provando e riprovando ad ottenere quell'effetto (aiutato dal fatto che quest'anno piove un giorno sì, l'altro pure e anche il giorno dopo). Probabilmente non sono così intelligente perché non ho notato subito qualcosa che ora mi risulta vistoso e logicamente prevedibile: quando si scatta attraverso una goccia l'immagine che viene su di essa riflessa è... riflessa; è cioè ribaltate. A questo punto ho controllato le foto che mi avevano ispirato e le immagini all'interno di quelle gocce... erano quasi tutte dritte, perfette, all'impiedi e non ribaltate. Ho iniziato a subodorare qualcosa e così, con un po' di savoir faire internettistico concessomi da anni di chat, forum e social network, ho iniziato a chiacchierare con qualche esponente famoso della fotografia macro (eviterò di far nomi per ovvi motivi), e alla fine ho scoperto l'inghippo. Gran parte delle foto di soggetti ripresi attraverso le gocce sono scattate con una specie di "studio esterno". In pratica, semplicemente, questi fotografi si portano dietro cartoncini colorati, fotografie o poster di vari soggetti (spesso ripetuti a mo' di pattern), che poi tengono su con un cavalletto o con un plamp e che aggiustano come sfondo dopo aver inquadrato con la fotocamera una goccia o una serie di gocce. A quel punto non devono far altro che sistemare lo sfondo in modo che il soggetto sia a fuoco e perfettamente visibile in ogni goccia. Devo dire che, pur essendo una tecnica non proprio da principianti, un po' mi sono sentito preso in giro, perché la macro "in posa" mi risulta un po' innaturale ed ingiusta, visto che pur sempre di fotografia naturalistica si tratta (di base). Non amo né la fotografia in studio, né i ritratti "in posa", né in generale tutto ciò che sia troppo studiato o preparato, quindi in un primo momento la delusione c'è stata, e non poca. Poi invece, provando a fare qualcosa di simile dopo aver scoperto il trucco, devo dire che mi sono abbastanza divertito nella preparazione del "set" esterno (cosa più veloce di quanto pensassi) e, considerando che per me il fine ultimo della fotografia è divertirmi, ho riabilitato il nome di quelli che mi hanno "svelato" il loro modus agendi. Però il fatto che molti siano restii a dichiarare questo tipo di tecniche mi fa pensare che non sia poi il solo a credere che non siano del tutto "legittime" (se non dichiarate). Un po' come fare foto agli animali nello zoo: nulla lo vieta, anzi ne possono uscire scatti infinitamente belli ed interessanti (l'anno scorso mi pare che una foto di una tigre allo zoo abbia vinto anche un prestigioso premio internazionale), però se la sede dello scatto non è dichiarata in principio appare un po' una presa in giro; perché una cosa è fotografare un gorilla infilandosi nella foresta equatoriale con un 600mm e stare attenti ad ogni passo e click, una cosa è andare al Bioparco di Roma con un 70-300 e scattare a raffica ad una povera bestia esposta a tutti. Magari il risultato è lo stesso, ma nascondere la fonte per me non è giusto. E così anche nel caso di macro "costruite" rispetto a quelle realizzate grazie all'abilità tecnica, alla fortuna del momento ed alla valutazione subitanea di una scena. Detto tutto ciò il mio primo tentativo, non del tutto riuscito, è stato questo: l'unico problema è che non avevo qualcosa per reggere l'immagine del calabrone, e così ho dovuto farlo a mano, ottenendo così una messa a fuoco non precisa... ma ci riproverò. Anche se non dovesse piovere (pare un'utopia, ormai) le gocce si simulano abbastanza facilmente con la glicerina liquida (e sono anche più stabili e resistenti... trucchi su trucchi). Attraverso la goccia / Throughout the drop di Abulafia82, su Flickr Nella foto, e si nota, ho utilizzato come sfondo il mio smartphone (tenuto al contrario) con una mia vecchia foto macro della testa di un calabrone.
  20. Ciao a tutti, oggi vorrei conoscere le vostre opinioni su questo scatto. La pianta o fiore ritratto (scussate l'ignoranza) l'ho adocchiata in un viale all'interno dell'orto botanico di Palermo. Mi ha colpito per la perfezione geometrica del suo sviluppo. Spero di aver riprodotto almeno in parte la sua bellezza. Che ne pensate della composizione? Forse c'è troppa luce? specialmente ai margini di alcune foglie? Grazie anticipatamente a chi interverrà! I dati di scatto sono i seguenti: Eos 1100d Iso 800 150mm f 10 Mano libera 1/250 Apriti sesamo by liberoilverso, on Flickr
  21. Foto a un piccolo fiore spontaneo. Il fiore è molto piccolo, circa 3 mm di diametro. Purtroppo non sono riuscito a trovare il nome. ƒ/13.0 43.0 mm 1/100s ISO 200 Fiore spontaneo by Giovanni Bertagna Alfredo, on Flickr
  22. Ciao ecco un nuovo scatto da sottoporvi, contrariamente dal normale workflow con Capture NX2 ho elaborato il NEF in LR5. L'immagine di partenza presentava qualche problema: i due insetti erano molto scuri rispetto alla trama in controluce della foglia; ho dovuto usare un pennello di ritocco localizzato per aumentare l'esposizione. L'immagine è leggermente croppata. Foto a mano libera. NIKON D610 AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED + AF-S Teleconverter TC-20E III 210mm 1/125 s f/16 ISO 400 Grazie e saluti
  23. Salve , provo a postare , come prima foto , un semplice fiore di cicoria Ditemi che ne pensate
  24. Guest

    Anthocharis cardamines

    Nella giornata di ieri ho fatto una passeggiatina al lago qui vicino, per vedere in che condizioni fosse la natura: le piogge delle settimane precedenti stanno ritardando un po' la primavera, ma la fioritura è giù a buon punto e la riserva brulica di insetti, anfibi e rettili. Ho intravisto libellule, bombi, rane, lucertole e salamandre, nonché qualche uccello acquatico di quelli non stanziali. Peccato che per ora l'ambiente sia del tutto paludato dalle troppe precipitazioni, e sia difficile muoversi senza un vestiario adatto al fango... Sono andato lì più che altro per fare qualche foto al paesaggio "tanto per", ma con l'idea di immortalare qualche fiore o insetto se ce ne fosse stata l'occasione. Solo due obiettivi con me: il Mir 20/3.5 e l'Helios 58/2 (con tubi di prolunga al seguito), ed alla fine ho utilizzato solo il primo. Una farfallina particolarmente coraggiosa continuava a volare di violetta in violetta a poche decine di centimetri da me, quindi ho deciso di provare a fotografarla sfruttando il fatto che non sembrava aver paura dei miei movimenti. Questo è il risultato: Anthocharis cardamines (Pieridae) di Abulafia82, su Flickr Pentax K-5 + MC Mir-20N 20mm f/3.5, a mano libera. Exif: Av, f/5,6, 1/80, ISO100, -0,7EV In PP: vigoroso crop dell'immagine, anche a fine compositivo. Contrasto, saturazione e curve, poi correzioni locali. Un filtro radiale per evidenziare un po' il soggetto, un'altro per spegnere un po' lo sfondo invadente. Spennellate sul bianco delle ali della farfalla per recuperare una quasi bruciatura. Esportazione in jpg e maschera di contrasto più aggressiva del solito.
  25. Guest

    Ragnetto Salticida

    Due settimane fa ho comprato da un amico il suo flash anulare usato, un Pentax AF 140c. Purtroppo fino a ieri ha piovuto a dirotto ogni santissimo giorno, quindi non ero ancora riuscito a provarlo nel suo campo d'applicazione principale, cioè la macro in esterni. Ieri è stata finalmente la giornata adatta e proficua per poterlo finalmente strapazzare un po'. Sono sceso in giardino ed osservando un po' le foglie alla fine ho deciso di concentrarmi su un ragnetto saltatore (Salticidae), una specie particolarmente "fotogenica", soprattutto a causa di quattro grandi occhioni frontali (i due centrali più grandi) che, uniti alle lunghe ciglia sovrapposte, gli concedono una sorta di espressività "umana". Il ragnetto in questione fra l'altro era particolarmente paziente, ed è rimasto per ben 20 minuti sulla foglia ad aspettare i miei comodi. L'ho potuto fotografare da tutti i lati ed in tutti i modi; purtroppo c'era un venticello insistente e continuo che m'ha fatto sballare quasi tutte le messe a fuoco. Sarebbe stato opportuno fotografare col flash sulla seconda tendina, in modo da congelarne il movimento, ma è possibile solo con obiettivi automatici, mentre i miei sono tutti manuali e quindi il flash va usato manualmente e senza automatismi. Ecco a voi la foto (il soggetto sarà stato lungo 3 o 4mm): Pronto a Saltare / Ready to Jump (Salticidae) di Abulafia82, su Flickr Pentax K-5 + Tubi di prolunga (63mm) + Helios 44M 58/2 + Flash anulare Pentax Af 140c. Su cavalletto, con slitta micrometrica. Exif: M, f/16, 1/180, ISO80. Rapporto di riproduzione circa 1:1. In PP: poderoso crop, contrasto, curve e bilanciamento del bianco, filtro radiale sul ragno per aumentare la chiarezza, aprire le ombre e abbassare il contrasto; altro filtro radiale sul resto dell'immagine con aumento di chiarezza e contrasto. Esportazione e leggera nitidizza sul .jpg.
×
×
  • Create New...