Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'mirrorless'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Discussioni generali
    • Comunicazioni dallo staff
    • Presentazioni
    • Aiuto, proposte, segnalazioni sul forum
    • Fuori tema
  • Fotografia
    • Critica foto
    • Progetti fotografici e reportage
    • Tecniche fotografiche
    • Post-produzione e fotoritocco
    • Luoghi fotografici
    • Tutto il resto
  • Dopo lo scatto
  • Fotocamere, obiettivi e altro
    • Sull'equipaggiamento
    • Le vostre recensioni
  • Sfide
    • Sviluppa questo RAW!
    • Sfide fotografiche a tema

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito web


Yahoo


Skype


Dove vivi?


Interessi

Found 9 results

  1. Ciao a tutti mi chiamo Marelda e sono una neofita in quest'ambito... mi aiutereste a scegliere la mia prima Olympus? sono indecisa tra la e-pl9 e la Om-d E M10 MARK III La E-PL9 mi alletta molto per: - La portabilità - mi è sembra molto più semplice per un primo utilizzo - lo schermo reclinabile a 180°. - i 2 microfoni integrati nel corpo macchina (girerò principalmente video) - la connettività (wi-fi, bluetooth)Quello che mi spaventa è però l'assenza di mirino. Io dovrò scattare foto e girare video in situazioni molto soleggiate e, scusate l'ignoranza, ma lo schermo secondo voi sarà sufficiente? La E-M10 MARK III mi piace perché effettivamente ha alcune caratteristiche tecniche in più mi alletta per - la presenza del mirino - lo stabilizzatore a 5 assi Ma...non ha lo scremo totalmente reclinabile e mi sembra un po' più complessa come macchina Sono tre settimane che ragiono su queste due macchine e non riesco a prendere una decisione Mi aiutereste a fare questa scelta? Grazie
  2. Salve a tutti, è da un 4 anni che scatto con d3100 e vorrei cambiare corpo macchina per fare un passetto successivo. Parlo anche di usato perciò i prezzi diciamo possono variare. Vorrei passare da reflex a mirrorless, uno perché mi piace la discrezione e due per il peso, usandola praticamente solo escusivamente per viaggi e qualche passeggiata di molte ore il peso di una reflex si sente e lo dice uno che la d3100 che è plastica e 1855 che è plastica perciò materiali molto leggeri! Non voglio manco immaginare la scomodità di lenti o macchine più pesanti. Di esigenze non ne ho tantissime. Sono aperto a qualsiasi corpo di qualsiasi anno, il mio budget è di 500euro. Ero indeciso tra una fuji t10 o la sony a6000 ma vorrei sapere prima i pareri ci chi l'ha comprate grazie e buona Luce! PS vorrei che almeno mi reggesse 800iso perché la d3100 è una monella su questo fatto!!
  3. Ho acquistato di recente la fotocamera compatta Ricoh GR (V) e volevo condividere la mia esperienza d'uso. Trovate facilmente le caratteristiche tecniche su internet e molte video recensioni su youtube. La macchina è compatta ma si impugna benissimo, grip eccellente. Esteticamente è brutta e non sembra nemmeno una macchina fotografica, è praticamente una scatola rettangolare nera. Una fotocamera Ninja, l'ha definita qualcuno. PROS: Si accende in un attimo. Tutti i comandi sono sul lato destro e praticamente la si può usare con una mano. I pulsanti sono personalizzabili e puoi avere tutte le funzioni desiderate a portata di pollice. Il sensore Apsc è senza filtro low pass e fa foto veramente nitide (anche se in certi rari casi appare l'effetto moirè). Raggiunge i 25600 ISO ma solo fino a 3200 le foto sono senza troppo rumore. Con la mia Nikon D3100 ottengo gli stessi risultati a 800. Ma la chicca che trovo davvero utile è lo SNAP FOCUS. In questa modalità, facilmente attivabile da uno dei pulsanti personalizzabili, puoi presettare la messa a fuoco a valori predefiniti: 1, 1,5, 2, 2,5, 5 metri. A quel punto sul display appare una asticella verde graduata che ti indica la profondità i campo in metri. Variando l'apertura del diaframma vedi variare la zona verde sull'asticella. Immediatamente vedi se sei in iperfocale. In questo modo non hai bisogno di preoccuparti di mettere a fuoco ma schiacci direttamente il pulsante quando vuoi. Se però decidi di voler lo stesso mettere a fuoco, perché magari l'oggetto è fuori dalla profondità di campo predisposta, puoi farlo lo stesso: basta premere un po' il tasto di messa fuoco come faresti normalmente. Quindi in snap focus lavora in realtà in doppia modalità. Questa è la funzione davvero interessante e originale di questa macchina. L'obiettivo è un 28mm equivalente ma dal menù si può predisporre un crop a 35mm e 47mm. Molto più utile di quanto pensavo all'inizio. Poi ci sono altre funzioni che per ora non uso: realizza HDR, fa scatti in sequenza con intervalli programmabili (ideale per startrail). I file Raw può svilupparli la macchina secondo set preimpostati e i risultati sono buoni. Per maggiore creatività invece c'è il software Silkypix da installare sul pc. CONS: Un difetto che alcuni lamentano è la facilità con cui il sensore si sporchi di polvere. Credo dipenda dal meccanismo di apertura dell'obiettivo. Quando la macchina è spenta l'obiettivo è chiuso all'interno e di polvere non ne può entrare. Quando accendi la macchina si apre la tendina anteriore e fuoriesce il piccolo obiettivo da 18.3 (28mm). Con la tendina aperta si vede che non esiste una sigillatura tra l'obiettivo e le parti meccaniche all'interno. Quindi bisogna stare attenti quando si fotografa ed evitare di farlo in luoghi polverosi. Non credo sia una buona idea usare la pompetta per pulire l'obiettivo prima di spegnere la macchina perché questa spingerebbe la polvere ancora più all'interno. L'ideale sarebbe usare un piccolo aspirapolvere invece. Credo che, con la scusa di fare un regalo a mia moglie, acquisterò uno di quelli portatili che si usano come aspira briciole. Inoltre tenete protetta la macchina quando non la usate in una custodia che si chiuda bene. AVVERTENZE: Gli accessori costano un botto quindi comprate il necessario. Il carica batteria in dotazione è più che sufficiente, solo che la batteria deve stare nella macchina. Se volete quello supplementare esterno BJ-6, con cassetta per la batteria e filo lungo, costa 45 euro, ma ve ne sono di terze parti a poco e si dice funzionino bene. Utile invece avere una batteria di scorta perché non ha una lunga durata: 290 scatti dichiarati, cosa che confermo. Per come la uso io circa 4 ore. Quella originale si trova a 45 euro. Non comprate assolutamente la custodia originale GC-5, costa 50 euro ed è inutile perché è stretta e non protegge dalla polvere essendo aperta. Acquistate invece come ho fatto io la Case Logic TBC 403 che costa 12 euro. Non solo ci metto la macchina ma ha una tasca dove porto la batteria supplementare e due schede SD. Ed ha un comodo gancio da attaccare alla cintura. In dotazione c'è un cinturino da polso che posso dirvi che basta e avanza. Per la street è l'ideale avere la macchina in mano e non appesa al collo. Comunque dato che sono un fissato ho preso la tracolla GS-3 a 40 euro. Vi assicuro che non li vale assolutamente. FIRMWARE La Ricoh ha rilasciato ben tre aggiornamenti in tre anni. Io ho dovuto istallare l'ultima versione scaricabile facilmente dal sito Ricoh-Pentax. NUOVA VERSIONE La Ricoh GR (V) è uscita nel 2013 e oggi si trova a circa 500 euro. Si rumoreggia però che stia per uscire la nuova versione ma credo costerà ben di più, forse con un nuovo nome e look. Se avete domande ... chiedete. Se volete vedere le foto scattate anche con questa macchina: https://www.flickr.com/photos/pinodema/ Ciao.
  4. Come preannunciato nell'altro post in cui descrivevo lo Show Leica di Roma, inserisco qui nel forum anche qualche breve considerazione ed impressione d'uso sulle fotocamere Leica provate nel corso dell'evento. Voglio sottolineare che in alcun modo si tratta di una recensione (che richiede mesi di utilizzo e decisamente più esperienza e competenza di me), ma solo di impressioni d'uso con confronti limitati a ciò che mi è capitato di provare in questi tre anni. In particolare ho provato la Leica S (una medio formato reflex) perché mi interessava il confronto con la Pentax 645Z che avevo già provato in occasione del Fowa Tour, e la Leica SL, mirrorless full frame, la nuova arrivata che s'accoda alla moda del momento. Ringraziando ancora tutto lo staff Leica per l'estrema gentilezza, cordialità e serietà nel permettere anche ad uno spiantato di provare simili apparecchiature che difficilmente potranno mai entrare in suo possesso, causa costi proibitivi Godetevi lo sproloquio: Allora, come dicevo ho passato un po' di tempo a provare la Leica S (type 007) e la Leica SL (type 601): la prima è una medioformato equiparabile alla Pentax 645Z, la seconda è una 35mm mirrorless sulla scia della Sony A7. La S ha un costo di 17.000€ circa, la SL di 7000€. Solo corpi. Quindi questa prova l'ho fatta tanto per divertimento, non certo finalizzata all'acquisto Partiamo col panettone: la Leica S ha una forma bruttina, ma almeno ha una forma (che la sorellina SL non ha...). Ed è la forma di un pandoro. Nonostante questo, mi tocca ammetterlo, è superlativa a livello di ergonomia e progettazione, la sostanza per fortuna non corrisponde alla forma. E' piccola (più piccola della Pentax 645Z, anche se di poco, circa 4cm di profondità) e comodissima (più comoda della Pentax 645, anche se di poco), molto bilanciata (è bella pesante) e soprattutto con un grip perfetto per la mia mano. Mi ha veramente sorpreso, probabilmente è la fotocamera più comoda che abbia mai tenuto in mano. Purtroppo l'ergonomia si ferma lì: il tasto di scatto è scomodo e poco reattivo (ho provato compatte migliori) la disposizione dei tasti funzione è "bella", ma inficiata dal fatto che questi sono "muti", non c'è scritto da nessuna parte cosa fanno, mancano anche le icone base. Assolutamente inutilizzabile se non ci sei mai abituato, ma inutilizzabile anche per quelle funzioni che si usano meno di altre. Io dopo tre anni di Pentax K-5 ancora guardo le icone per fare qualcosa di meno consueto, sulla Leica non si può fare. Non c'è scritto e disegnato nulla: bella l'estetica, ma assolutamente dannosa in termini pratici. Il mirino è una spanna peggiore di quello della 645Z: meno luminoso, meno trasparente, meno comodo per mettere a fuoco manualmente. A dir la verità non l'ho trovato superiore neanche a quello della K-5 sotto quest'ultimo punto di vista (e solo da questo). Ovviamente, parlando in generale, è un mirino eccellente che straccia tranquillamente tutte le aps-c e le full frame in commercio (tranne forse, ancora, per la messa a fuoco manuale). La fotocamera mi è stata fatta provare con l'obiettivo Leica 100/2, un telino da ritratto (80mm equivalente) da 7000€ di costo, la lente più luminosa disponibile per Leica medioformato. L'accoppiata tra S e 100/2 è, a livello di prestazioni autofocus, meno che pessima: il corpo macchina ha delle modalità autofocus pietose (un solo punto di messa a fuoco) e l'obiettivo è lento, impreciso e ondivago in ogni situazione. Non sono riuscito a mettere a fuoco agevolmente né il paesaggio fuori dalla finestra (con luce delle 15:15, non col buio), né sotto lampade ad incandescenza, né sotto i neon, né sotto le lampade a luce controllata di cui era dotato il posto. Una fatica incredibile, e capacità di tenere il fuoco pari a 0, sia con soggetti dinamici, che statici, che in posa. La mia K-5 è un centinaio di spanne sopra, nelle stesse identiche condizioni non solo il 18-55 andava meglio, ma anche l'A 50/1,4 (manuale) su Af Adapter (in pratica un 85/2.5). Col fuoco manuale la cosa migliora un po', ma il mirino come detto non permette chissà quale precisione. Un po' deludente da questo punto di vista. La qualità ottica, di contro, compensa tutto: il dettaglio è mostruoso, spaventoso, eccellente, stratosferico e quant'altro, come e più della 645Z. Impressionante, anche negli altri aspetti della resa ottica: in questo caso mi è sembra anche avere più naturalezza della 645Z, che invece è un po' più "grezza". Anni luce di distanza dalle normali reflex, anche si parla di sfumature (ma man mano che si alza la quantità le differenze diventano sempre più microscopiche, e giustamente si pagano tanto. Vale per tutti i campi). La resa del sensore è ottima, ma forse su questo punto la 645Z rimane meglio, e neanche di pochissimo: la gamma dinamica è ottima in tutti e due le fotocamere, ma la 645Z ne ha, a occhio, un po' di più e soprattutto gestisce molto, ma molto, meglio le ombre. Aprendole con la Leica si genera banding, rumore, cromie strane, mentre con la 645Z tutto va liscio come deve andare. La grana è sostanzialmente diversa: più presente ma sottile e delicata quella Leica, più attenuata ma grossolana e visibile quella della 645Z. Fino a 6400 iso vince Leica, la grana è decisamente più piacevole; da 12800 la 645Z passa al comando nettamente, perché il rumore Leica diventa un po' troppo presente nelle ombre. Comunque parliamo di una resa molto superiore a quella delle full frame attuali, in entrambi i casi. Forse solo la Sony A7RII potrebbe tenere botta in un confronto di questo tipo. Tutto sommato la Pentax 645Z se la gioca con l'idolo Leica S: migliore gamma dinamica e migliore tenuta al rumore, utilizzabilità maggiore, autofocus molto molto migliore. D'altro canto ha una qualità ottica leggermente inferiore (ma qui contano le ottiche, e Leica ne fa di eccelse ed inarrivabili) ed una ergonomia appena un po' più scomoda. La Pentax 645Z costa però 6000 dollari (ribassata da poco), mentre la Leica SL ne costa 17.000. Leica vale quel denaro in più? Probabilmente sì, perché per me la qualità ottica è il primo parametro per valutare un sistema fotografico, tutto il resto viene in seguito (escludendo il fattore finanziario, ovviamente). Parliamo di cifre improponibili per i fotoamatori, ma è bello giochicchiare con questa roba quando possibile Passiamo alla Leica SL, più a portata degli umani (ricchi). Ho provato la mirrorless Leica, che è appena uscita, corredata del suo obiettivo "kit" Leica 24-90/2.8-4. La fotocamera in foto sembra brutta, mentre dal vivo... no, niente. E' brutta. C'è poco da fare. E' una delle più brutte fotocamere che ho mai impugnato e visto, MA dal vivo devo dire che un minimo guadagna. E' una schifezza, ma è una schifezza un poco meglio dell'A7 (che per me è la base del design brutto di una fotocamera). Non è grossa come appare in alcune in foto, ma l'ergonomia è comunque pessima: sbilanciata, scivolosa, coi comandi posizionati male ed ingestibile con quel bidone orribile (per forme) che è il 24-90, che è veramente enorme e stona tantissimo sul corpo cui è associato. Anche la SL, come la S, ha i tasti "muti", ed è quindi ingestibile senza manuale di istruzioni appresso. Ha però un comodissimo joystick gommoso che aiuta a navigare molto facilmente nei menù, ed a scegliere in maniera veramente efficace, intuitiva e veloce il punto di messa a fuoco. Di sicuro il pezzo migliore della SL è il mirino elettronico: è alquanto meraviglioso e favoloso, perfetto e con un focus peaking preciso e non fastidioso per gli occhi. Ha un po' di flickering con le luci al neon, ma è ben poca cosa rispetto agli altri mirini elettronici che ho provato. Sinceramente pensavo che Sony fosse arrivata a buon punto con i suoi EVF, ma qui siamo non su un altro pianeta, ma in un altro universo. C'è ancora parecchia evoluzione possibile nel campo, e Leica per ora stravince. Impressionante, mi è piaciuto proprio tanto. Passando all'autofocus, è decisamente migliore di quello della sorella maggiore, per fortuna: ha punti di messa a fuoco in abbondanza e sparsi per tutta l'area del sensore. La selezione automatica fa un po' schifo e pena (in pratica mette a fuoco sempre al centro e basta, o almeno io non sono riuscito a convincerla a fare diversamente), ma selezionando manualmente il punto di fuoco la macchina non sbaglia ed è precisa. Non è particolarmente veloce, ma neanche troppo lenta: diciamo mediamente sopra i livelli della mia Pentax K-5 (che non è certo il top fra le reflex), in situazione di luce artificiale. Un po' di difficoltà a focheggiare ce l'ha avuta alle distanze minime di messa a fuoco, con molti tentennamenti. Il 24-90/2.8-4 è veramente un obiettivo (per me) senza senso, grosso e neanche particolarmente luminoso, ingestibile con quel corpo macchina e neanche qualitativamente eccezionale: foto ottime, ma parliamo di 5000$ di obiettivo su 7000$ di fotocamera, ci mancherebbe. Ma niente di più di un 24-70/2.8 di Canon e Nikon, che fra l'altro sono anche nettamente più veloci nella messa a fuoco. E ancora molto sotto alla medio formato con i fissi (e anche qui... ci mancherebbe). Le immagini, come detto, sono ottime ma nulla di strabiliante: da questo punto di vista la SL le prende dalla S e anche dalla 645Z (ovviamente), ma anche dalla D800, per quel che ho visto. E probabilmente dalla Canon 5Ds da poco uscita, così come dalla Nikon D810. Al contrario della S, quindi, la Leica SL non mi è sembrata valere i soldi che costa, sembrandomi più adatta ad un amatore spendaccione che a qualcuno a cui serva veramente "qualcosa in più". L'unico elemento strepitoso è sicuramente il mirino, il miglior mirino elettronico su cui si possa posare occhio.
  5. Ciao a tutti! colgo l'occasione di questo sabato tranquillo per scrivere una mini mini mini recensione sul mio recente acquisto. Come tutti sapete, da qualche tempo mi era partita "la scimmia" per una mirrorless da usare in tutte quelle occasioni dove la reflex è d'impiccio. Dopo l'esperienza parigina di questa estate (una settimana con D700 e 50mm sempre con me, per maggiori info: http://www.elenagattiphotography.it/articoli/parigi-in-50mm/), ho iniziato a lasciare sempre più spesso la reflex a casa e ad utilizzarla solo nei miei due campi fotografici prediletti: studio e spettacolo/concerti. Non ho nemmeno più pensato di portarla con me per un po' di street perché l'idea di portarmi lo zaino e la reflex anche solo con un'ottica, mi faceva già venire mal di collo di spalle di schiena e quant'altro. Allora ecco l'occasione di comprare questa fujifim XE-1 che un mio amico vendeva per passare alla superiore XT-1. Prime impressioni: quanto è piccola!!! leggera, compatta, bellissima esteticamente. Non le manca davvero nulla. Prime prove: ad alti ISO è sbalorditiva: Dolls-2 by Elena Gatti Photography, on Flickr Questa foto l'ho scattata a 2500 ISO. Ho detto tutto. Avendo un sensore APS-C mi aspettavo molto più rumore e invece.... WOW! La velocità della messa a fuoco non è delle migliori, ma non è nemmeno così penosa come tanti dicono. Sinceramente non l'ho trovata peggiore di una qualsiasi reflex entry level con 18-55, anzi, l'ho trovata molto migliore anche se, ovviamente, non ai livelli delle reflex più evolute. La qualità dell'immagine è davvero buona e io ne sono soddisfatta. Crema by Elena Gatti Photography, on Flickr Purtroppo, come ho già detto, non ho avuto molte occasioni per scattare seriamente con la Fuji (troppi impegni, troppe cose da fare ), ma ci sarà sicuramente occasione per metterla duramente alla prova. Intanto vi invito a guardare gli scatti di questo articolo sul mio sito: http://www.elenagattiphotography.it/articoli/shooting-backstage/ Tutte le foto di backstage sono state scattate con Fuji XE-1 a circa 2500 ISO
  6. ciao! dopo essermi documentato un po', seguito le discussioni qui sul forum e letto gli articoli sul sito, anche a me è partita la scimmia per le mirrorless! ora ho una nikon d5000, semi entry level del 2005 (comprata usata), e ne inizio a sentire le limitazioni. quindi avevo pensato di venderla e passare totalmente al mondo mirrorless (se qualcuno è contrario me lo faccia sapere pure ) ma che mirrorless? a che marca affidarsi? conviene? pregi e difetti? esperienze? le sony non mi sembrano male... la spesa comunque direi che non deve superare i 500-600€ ma la cosa più importante è: posso montarci le ottiche nikon che ho? volevo acquistare il sigma 10-20, ma se poi cambiassi e prendessi una mirrorless? altra cosa importante: visto che appunto volevo acquistare un supergrandangolare non fisheye, ne esistono anche per mirrorless? touch screen o non touch screen? pensavo che il mirino fosse importante averlo! ci sono molti modelli senza... ma si riesce a vedere sempre in uno schermo?? e se si è sotto il sole di mezzogiorno? penso che un minimo di riflessi fastidiosi li produca, o forse sono abituato allo schermo della d5000, che tanto bello non è schermo orientabile o non? la d5000 ce l'ha orientabile, e devo dire che non l'ho usato molto, però devo ammettere che in qualche situazione è molto comodo... sony a6000? fujifilm? panasonic? comunque sarebbe meglio avesse tutte le ghiere e manualismi vari, voglio prendere un qualcosa che assomiglia il più possibile a una reflex, non una macchina totalmente automatica! scusate tutta questa miriade di domande, ma per adesso ci capisco ancora poco ciao!
  7. Questa pubblicità del fujifilm cashback mi sta facendo diventare matta.... Sinceramente è un mercato, quello delle mirrorless, su cui, fino a poco tempo fa, non mi sono mai molto interessata. Poi ho iniziato a vedere alcuni amici fotografi con queste piccole fujifilm tra le mani... in particolare il mio amico che mi ha portato all'ex linificio la settimana scorsa, scatta molto spesso con la fuji (non ricordo il modello però) e la qualità delle foto è strabiliante! Quello che mi ha fatto venire la scimmia è stato anche vedere come lui si muoveva tranquillo e leggero con un cavallettino e la fuji mentre io, che avevo con me solo due ottiche fisse, comunque, per motivi di peso e d'ingombro, non avevo portato nemmeno il cavalletto. Insomma, mi ha fatto invidia. Ieri poi sono andata ad un evento, volevo portarmi la D700 ma poi ho iniziato a pensare alle ottiche ecc.. ecc.. e mi sono scoraggiata anche perché al suddetto evento ci sarebbe stata davvero tanta gente e girare con la D700 più flash più un paio di ottiche diventava problematico. Ho desistito. Ora, partendo dal presupposto che ovviamente non sto pensando ad un passaggio da reflex a mirrorless, ciò non toglie che queste piccole fujifilm inizino a farmi venire un po' di indiscreta salivazione! Le mie due reflex, con parco ottiche annesso, sono dedicate al lavoro, ai progetti seri ecc... ma sempre più spesso noto che, in diverse occasioni, decido di lasciare a casa la reflex perché è troppo ingombrante e poi, alla fine, rimango sempre a bocca asciutta perché il mio animo di fotografa non viene soddisfatto. Quindi, passando al dunque, qualcuno di voi sa qualcosa di più di me di queste fujifilm? Io mi sono brevemente documentata: ho visto che la serie X si divide in due parti: ottiche fisse (la serie X100) che da quanto ho capito hanno una sola ottica fissa (un equivalente 35mm) senza possibilità di sostituzione ottiche intercambiabili (XE XM XT ecc..) Così a spanne mi orienterei sulla seconda serie anche perché chi lo dice che non vorrei scattare con diverse ottiche o con uno zoom? Ora come ora non so nemmeno se ci sarebbero i fondi per fare un simile acquisto (anche perché, da quanto ho visto, economiche non sono!). Eviterei la serie XT che sono quelle di fascia più alta e decisamente TROPPO costose per l'utilizzo che vorrei farne io. Sto cercando di capire se la serie XE e XM potrebbero essere valide... Insomma, aspetto pareri da chi magari è più documentato di me.
  8. Salve ragazzi, vi chiedo aiuto per un'acquisto che vorrei fare. Mi piacerebbe ricominciare con la fotografia, prendendo una mirrorless. Non mi interessa diventare maestro ma almeno imparare le basi piano piano, poi si vedrà. Calcolate che ora di fotografia so poco e niente. Mi piace(va) comunque fotografare la natura, specialmente durante i miei viaggi. L'unica cosa che non basta è sicuramente il budget 250€ massimo. E vorrei prenderla prima di partire il 22. Ho visto un pò in giro ma mi sono fermato alla Nikon 1 j2 e la Samsung nx3000. La prima è quella che ha foto migliori su fickr, la seconda è quella che mi sembra più immediata e semplice da usare. Comunque mi rimetto ai vostri consigli. Grazie comunque.
  9. Sto valutando di vendere la mia attrezzatura (nikon D610 + 3 lenti etc etc) per passare al mondo Mirrorless. Il motivo principale è la trasportabilità. Sono un fotoamatore, non professionista, e mi rendo conto che troppe volte lascio la macchina a casa durante i miei viaggi per l'eccessivo peso ed ingombro del kit e, purtroppo, non riesco quasi più a lavorare ad altri progetti quando sono a casa, principalmente per mancanza di tempo. E' così shock il passaggio in termini di qualità dell'immagine? Dopo una breve ricerca in rete mi par di capire che il miglior rapporto qualità/prezzo ce l'ha la Sony a6000, mentre la Fuji X-T1 ha controlli manuali più comodi, qualità della foto comparabile ma è molto più cara. Non sono invece riuscito a capire chi ha il parco lenti migliore. Principalmente cerco un ultra-grandangolare + un medio luminoso ed uno zoom da viaggio. In generale comunque sono ancora molto confuso sulla miriade di macchine in commercio, quindi ogni consiglio è bene accetto. Grazie mille!
×
×
  • Create New...