Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'samyang 14/2.8'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Discussioni generali
    • Comunicazioni dallo staff
    • Presentazioni
    • Aiuto, proposte, segnalazioni sul forum
    • Fuori tema
  • Fotografia
    • Critica foto
    • Progetti fotografici e reportage
    • Tecniche fotografiche
    • Post-produzione e fotoritocco
    • Luoghi fotografici
    • Tutto il resto
  • Dopo lo scatto
  • Fotocamere, obiettivi e altro
    • Sull'equipaggiamento
    • Le vostre recensioni
  • Sfide
    • Sviluppa questo RAW!
    • Sfide fotografiche a tema

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Sito web


Yahoo


Skype


Dove vivi?


Interessi

Found 33 results

  1. E siccome la spiaggia di Punta Aderci (CH) non è solo il trabocco in mezzo al mare, ho fatto qualche foto anche alla spiaggia stessa. In questo caso ho approfittato di un piccolo scolo naturale che scendeva dal promontorio (grazie, piogge) e finiva in mare: ho preso un tronco da un altro punto della spiaggia e l'ho spostato nel punto in cui mi faceva comodo... pesava almeno una 40ina di chili, quindi pensate quanta fatica mi fa fare 'sta benedetta fotografia La foto è scattata sul finire del tramonto, ed è questa qui: Punta Aderci by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8 + Formatt Hitech IRND Prostop ND 1.8 + GND 0.6. Ovviamente su cavalletto. Exif: Av, f/13, 25s, 80iso. In PP: tutto su LR. Solite cose: bilanciamento del bianco, metodo Ramelli, poi postproduzione localizzata per zone con pennello, filtri radiale e filtri graduati. Esportazione in jpg e maschera di contrasto pesantuccia.
  2. Dopo una settimana un po' piena, riprendo con la serie di foto scattate un paio di mesi fa a Punta Aderci (Vasto, CH). In questo caso la foto è scattata, in orario ancora lontano dall'ottimae, dal promontorio di Punta Aderci, un punto rialzato che divide le due spiagge principali e che si trova più o meno sopra il trabocco. A luglio ho comprato finalmente i filtri a lastra per il Samyang (delle lastrone da 16,5cm di grandezza...) e in questo caso li ho provati un po' più seriamente che in precedenza. Eccovi la foto: Punta Aderci by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8 + Formatt Hitech ND 3.0 + GND 0.9. Ovviamente su cavalletto. Exif: Av, f/13, 15s, 80iso. In PP: tutto su LR. Bilanciamento del bianco, "metodo Ramelli" per impostare l'esposizione, curve per sistemare l'istogramma. Un paio di filtri digrandati sul cielo per scurirlo ancora di più, e una serie di filtri radiali e spennellate sui vari punti del primo piano per differenziarli un po': spegnere un po' la trama dell'erba abbassando la chiarezza, esaltare il passamano e il trabocco, lisciare un po' il mare che con 15s era ancora un po' troppo "presente". Esportazione in jpg e maschera di contrasto media.
  3. Guest

    Sinagoga di Roma

    Ancora una foto dal raduno fotografico di "Estremisti Vintage", probabilmente la migliore tra quelle a colori (almeno per i riscontri avuti). Il soggetto è la Sinagoga di Roma, nel Ghetto ebraico, ripresa dal Ponte non so che (io e la toponomastica romana non siamo andati mai troppo d'accordo). E' uno scatto che ho provato a fare in svariati modi, con varie focali e composizioni, perché mi affascinava molto la luce di quel momento e la presenza degli alberi a nascondere la Sinagoga. Alla fin fine questo è lo scatto che sembra più riuscito anche se, col senno del poi, mi sarebbe piaciuta una foto verticale più stretta di questa, che prendesse la Sinagoga nei due terzi superiori e desse più spazio alle luci artificiali, all'argine e alla passeggiata in basso; ma lì per lì non ci ho pensato. Eccovi la foto: In giro per Roma / Walking around in Rome by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto (Horusbennu SpiderPod) Exif: Av, f/6.3, 1/8, 80iso. In PP: tutto in LR. Solite cose a partire dal solito "metodo Ramelli". Vari filtri radiali a sottolineare la luce, alcuni filtri digradanti per bilanciare l'esposizione e rendere più leggibili forme e colori.
  4. Guest

    Luci a Morino

    Questa è una foto "che non mi aspettavo", nel senso che non era previsto la pubblicassi perché... pensavo fosse una totale schifezza. Quel giorno infatti ero andato a fare alcune foto all'interno del locale di un mio amico, per illustrare un po' il sito del locale stesso. Ero insomma organizzato per fare foto all'interno e, approfittando dell'amicizia, mi sono presentato a mezzogiorno. In un ristorante. Insomma, per farla breve, ero pronto a mangiare più che a scattare foto Nonostante ciò ho fatto le foto che dovevo fare e il mio amico mi ha proposto di salire a visitare i resti del vecchio comune di Morino (AQ), distrutto dal terremoto della Marsica nel 1915 e abbandonato da allora (gli abitanti si sono spostati nell'attuale Morino, più a valle o più fuori mano). Il posto è decisamente meritevole di più e più visite, perché offre molti spunti fotografici: purtroppo andarci a fine luglio nelle ore centrali della giornata ha significato avere una luce meno che pessima, peraltro penalizzata da una odiosa foschia. Nonostante questo ho pubblicato quasi una decina di foto perché una nuvola benigna ha creato dei bellissimi raggi di luce che non volevo perdermi, ed in più Adobe ha lanciato Lightroom 6 e il suo filtro antifoschia veramente molto funzionale. E quindi eccovi la foto, senza troppre pretese: Morino by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2,8 a mano libera, HDR di 5 scatti. Exif: Av, f/9, 1/3200, 100iso per lo scatto centrale. In PP: tutto in LR. Unione dell'HDR e solite cose (niente Ramelli perché l'ho conosciuto poco dopo...), passando prima dal filtro antifoschia portato a +50 per recuperare un po' di contrasto. Filtri digradanti sul cielo per bilanciarne l'esposizione, e uno sul terreno per renderlo un po' più "croccante". Un filtro radiale sulla nuvola e sul sole per scurirli un po', un ulteriore filtro radiale sui raggi solari per esaltarli. Due filtri radiali sui punti di luce in basso sul terreno, per isolarli meglio. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  5. Guest

    Pietre e Ruderi

    Continuo a rompervi le scatole con Rocca Calascio, o meglio con i suoi dintorni: è infatti una ulteriore fotografia dei ruderi che vi ho già proposto il soggetto di quest'altra foto. A differenza della prima, qui ho scattato in verticale cercando di ambientare le pietre per accentuare la profondità dell'immagine: ma, come nell'altra foto, il soggetto principale sono sempre luci e colori, il resto è una scusa per riempire il fotogramma La foto è l'unione di dieci scatti, due HDR di 5 scatti in bracketing, per centrare meglio le rocce in primo piano. Eccovi la foto: Rocca Calascio - Rovine / Ruins by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8 a mano libera Exif: Av, f/6.3, 1/125, 100iso (le due foto centrali dei due bracketing). In PP: tutto su LR, solite cose. Unione in HDR, unione della panoramica, Ramelli, contrasto, curve e un filtro radiale sulle rocce per renderle più evidenti. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  6. Guest

    Rovine

    Come detto nella descrizione della precedente foto, sono stato nuovamente a Rocca Calascio e, diversamente dalla prima volta, ho cercato di concentrarmi di più sul paesaggio nei dintorni del castello che sul castello stesso. L'anno scorso mi avevano impressionato vallate e altipiani circostanti ma, causa l'estate, l'ora non ideale e la luce pessima, non avevo poi ottenuto chissà quali risultati. Questa volta, con la stupenda luce dell'autunno e del tramonto, è stato tutto più facile, ed è proprio su questo elemento che mi sono concentrato, fin troppo: mentre ero lì ho deciso di catturare quanto più possibile quelle sfumature di luce sui già bei colori del posto, e mi sono quasi dimenticato di ambientarci bene un soggetto. In questo caso si era a pochi minuti dal tramonto e, per valorizzare la luce, ho scelto una vallata con dei poveri resti di qualche struttura medievale. Ho scelto comunque di utilizzare un grandangolo proprio perché i resti sono solo una scusa per riprendere la scena, che invece si dovebbe reggere su luce e colore. Eccovi la foto: Rocca Calascio - Rovine / Ruins by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8 a mano libera. HDR di 5 scatti. Exif: Av, f/6.3, 1/200, 80iso (per lo scatto centrale del bracketing). In PP: tutto su LR, solite cose. Creazione HDR, Ramelli, contrasto e curve, digradanti, spennelate e radiali vari, esportazione e lieve maschera di contrasto.
  7. Guest

    Cartiera Lefebvre

    Torniamo al paesaggio, seppur ambientato all'interno dell'ex cartiera Lefebvre, quindi sotto forma di archeologia industriale. Visto che i dettagli non vi sono piaciuti In questo caso il soggetto è un vecchio ponte ferroviario industriale per il trasporto di materiale nel ciclo continuo della cartiera, immerso nell'incredibile vegetazione quasi tropicale (il posto è molto, molto, ma molto umido) che è cresciuta nei decenni di abbandono. Eccovi la foto: Ex Cartiera Lefebvre ad Isola del Liri / Old Lefebvre's paper factory in Isola del Liri by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, a mano libera, HDR Exif: Av, f/5,6, 1/400, 80iso In PP: tutta in LR, solite cose più un filtro radiale sul ponte per renderlo più presente e materico.
  8. Guest

    Dettagli (1)

    Finite (finalmente, direte voi) le foto delle vacanze, passiamo a scatti più recenti (circa). In questo caso vi propongo una foto scattata durante una visita guidata alle ex cartiere Boimond e Lefebvre di Isola del Liri, un distretto industriale che dalla seconda metà del 1800 fino alla prima metà del secolo scorso ha avuto una discreta importanza nel panorama nazionale ed oltre. Poi, la ben nota gestione orrida della politica e della società italiana, soprattutto al centro-sud, ha mandato tutto a gambe all'aria. Ed ora non rimangono che le macerie. E chi sono io per non andarle a fotografare? Avrete già visto scatti simili proposti da Doctorow, mio compaesano con il quale dopo un anno di chiacchiere ancora non siamo riusciti ad incontrarci manco per sbaglio: quel giorno siamo andati a fare la visita in turni diversi, pur di evitare il fatidico incontro So che il paesaggio e il mio genere di elezione e vi ho abituato a scatti più decenti di questo in precedenza, ma ora immaginatemi totalmente neofita e sperimentale, perché negli ultimi mesi ho scattato molto "a casaccio", provando a fare qualcosa di diverso. La foto andrebbe vista nell'ambito del "reportage" nella sua totalità, ma a me ha affascinato anche di per sé. Ma non saprei dire perché. Detto ciò, eccovi la foto: Dettagli / Details by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, a mano libera. Exif: Av, f/5.6, 1/400, 80 iso. In PP: tutto in LR. Ho bilanciato l'esposizione per far risaltare il cielo, e chiuso neri e ombre per lasciare solo il profilo della struttura metallica sotto cui ero. Aggiustamento della prospettiva, o meglio appiattimento, e lieve ritaglio per dare simmetria.
  9. Guest

    Specchio d'acqua

    Penultima foto delle vacanze sicule (dai, ce l'ho fatta prima di Natale!), ancora una volta dall'Oasi di Vendicari. In questo caso il soggetto non è la tonnara, ma una zona paludosa totalmente naturale, poco prima del tramonto. A questa foto tengo parecchio e non perché credo che sia particolarmente riuscita, ma perché mi sono impegnato abbastanza nello scattare. C'erano molti elementi della scena che mi interessava ricordare, e bilanciarli non era facile: purtroppo l'oasi stava per chiudere e quindi non ho avuto modo di fare le 5-6 foto che la scena meritava (per il mio gusto). In particolare mi piaceva l'erba illuminata dal sole in primo piano, il riflesso del cielo sullo specchio d'acqua, il riflesso delle piante e delle canne sulla sinistra (che più di tutti avrebbe meritato una foto singola, col teleobiettivo), il cielo ed ovviamente i colori entranti del tramonto. Cercare di inserire tutto e valorizzarlo su una sola foto non è stato facile, ma alla fine (almeno sottoforma di bel ricordo) spero di esserci riuscito. Dopo le solite troppe chiacchiere, ecco a voi la foto: Oasi di Vendicari / Natural Reserve of Vendicari by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8 a mano libera. HDR di 5 scatti. Exif: Av, f/5,6, 1/320, 100 iso. In PP: tutto in LR. Unione dell'HDR, solite cose seguendo il metodo Ramelli, poi una serie di filtri radiali per valorizzare il primo piano, il riflesso dell'acqua e la serie delle canne lacustri sulla destra. Un filtro digradante sul cielo per bilanciare ancor di più le esposizioni. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  10. Guest

    Ancora l'albero.

    E questa è veramente l'ultima, e non potevo che concludere così, ancora una volta con l'albero che mi ha stregato nella riserva naturale di Vendicari. Poco da dire che non sappiate già, quindi eccovi subito la foto: L'Albero / The Tree by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2,8 a mano libera, HDR. Exif: Av, f/8, 1/125, 100iso (scatto di mezzo, i primi due a tempi più corti, gli ultimi due a iso più alti). In PP: tutto su LR, veramente solo le solite cose più un filtro radiale sulla chioma dell'albero per renderla più presente ed esaltarla.
  11. Ed ancora una foto da Vendicari, oasi naturale che paradossalmente contiene... una tonnara. Abbandonata e d'epoca, ma pur sempre una tonnara, un opificio per la lavorazione e trasformazione del tonno chiuso alla fine dell 1800. Bellissima l'atmosfera che si respirava, perché la tonnara è diventata una sorta di monumento, con gli edifici in disfacimento che sembrano molto più antichi di quel che sono, quasi accomunabili ai resti greci e romani che riempiono l'isola. Eccovi la foto: Antica Tonnara di Vendicari / Old Tuna Slaughter of Vendicari by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2,8, a mano libera. HDR di 5 scatti. Spot sul sole che non volevo in alcun modo bruciare. Exif: Av, f/5,6, 1/4000, 100iso. In PP: tutto su LR. Fusione in HDR e solite cose, più un filtro graduato sul cielo e un po' di filtri radiali in basso per bilanciare le esposizioni e rendere più evidente il contrasto tra colori caldi e freddi.
  12. Guest

    Temporale.

    I fulmini, come la Via Lattea, sono due dei soggetti che più mi piacerebbe ritrarre nelle mie foto di paesaggio; purtroppo Zeus mi odia tantissimo e mi impedisce di riuscire in entrambe le cose. Per fortuna quest'estate si è distratto un attimo e sono riuscito finalmente ad immortalare un fulmine ben ambientato: forse è un po' piccolino e di sicuro non è il soggetto principale della foto, ma per me aggiunge il giusto "condimento" ad una scena altrimenti abbastanza banale. Se a qualcuno interessa in primo piano c'è la pietraia / frangiflutti della spiaggia di Gioiosa Marea e sullo sfondo il promontorio di Capo D'Orlando (entrambi i comuni in provincia di Messina). Eccovi la foto: Fulmine / Lightning by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto e con telecomando IR. Exif: Posa B, f/8, 79 secondi, 80iso. In PP: solite cose sul LR, vasta clonatura dell'angolo basso sinistro con PS. Reimportazione del .tiff per gli ultimi bilanciamenti ed esportazione in .jpg con lieve maschera di contrasto.
  13. Guest

    Torre Sveva di Vendicari - 2

    Qualche settimana fa ve l'avevo proposta verticale, ora ve la propongo orizzontale: è di nuovo la Torre Sveva dell'oasi di Vendicari, qualche minuto prima del tramonto. Se la composizione vi pare un po' sbilanciata, cerco di spiegarvi il perché della mia scelta: il sole stava scendendo di fronte la torre, mentre dietro la torre il cielo aveva già assunto i connotati del tramonto. Davanti la torre invece era tutto molto luminoso, eccessivamente, e soprattutto mancava un qualche soggetto interessante. Dalla posizione in cui ho scattato sono riuscito invece a catturare il bel cielo, l'acqua, la curva della spiaggetta (non casualmente finita in angolo), ma soprattutto il contrasto tra la facciata dorata della torre e il resto ancora in ombra piuttosto scura. Ho dovuto rinunciare al giusto orientamento della torre, ma secondo me ne è valsa la pena. Eccovi la foto: Torre Sveva di Vendicari / Suevian Tower of Vendicari by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, a mano libera. HDR di 5 scatti (-2/+2). Exif: Av, f/5,6, 1/125, 200iso (scatto mediano). In pp: tutto su LR. Fusione dei 5 scatti e lavorazione del raw risultante per recuperare un po' di contrasto e bilanciare ancor di più l'esposizione sulla parte destra. Filtro graduato sul cielo, sulla spiaggetta e un filtro radiale sul mare, per meglio sottolineare le trame e la morbidezza del cielo. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  14. Guest

    Ancora una spiaggia

    Ancora una foto dalla spiaggia di Gioiosa Marea: se vi siete stufati non vi preoccupate... tanto non è l'ultima e potete stufarvi ancora un po' Ho appena finito di pubblicarle tutte su Flickr (e siamo a metà novembre, con le foto di Agosto...), sul forum ci vorrà un po' di più. In questo caso la foto è semplice e non necessita di particolari spiegazioni (tranne che mi sarebbe piaciuto avere un ND1000 per il samyang...), quindi eccovela: Rocce al Tramonto / Rocks at the Sunset by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2,8 su cavalletto. HDR da 5 scatti. Exif: Av, f/11, 0,3s, 80iso. In PP: tutto in LR. Montaggio dell'HDR, applicazione del "metodo Ramelli" (-100 luci +100 ombre, regolazione neri e bianchi, contrasto, chiarezza diminuita) più una serie di filtri graduati e radiali; in particolare un graduato sul cielo per recuperare ancor meglio l'esposizione, un radiale sul sole e dintorni per lo stesso motivo, vari graduati sulle rocche per recuperare impatto (chiarezza), contrasto e leggibilità. Ed esaltare un po' i colori delle pozze d'acqua (motivo per cui ho composto così la foto). Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto. Per ulteriore curiosità aggiungo una foto su "come" ho scattato queste foto, grazie all'aiuto dell'utilissimo (e indispensabile in viaggio) Spider-Pod. https://www.dropbox.com/s/lpdrkzresooml9o/2015-08-06%2020.02.09.jpg?dl=0
  15. Guest

    L'albero.

    Ancora una foto dall'Oasi di Vendicari, al cui interno si trovano varie strutture: oltre la Torre Sveva della foto precedente, e vari altri resti storici, il complesso più interessante è sicuramente l'antica Tonnara, un misto tra archeologia (pre)industriale e rovina storica, che stranamente non stona affatto in una riserva naturale. Fra i tanti edifici sono stato però colpito da quest'albero, assolutamente meraviglioso per i miei gusti, a cui ho scattato decine di foto e ne avrei potute fare centinaia se non migliaia: amore a prima vista Eccovi la foto: La riserva naturale di Vendicari / The natural reserve of Vendicari by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2,8 a mano libera. HDR. Exif: Av, f/5,6, 1/125, 500iso (foto centrale del bracketing). In PP: unione degli scatti in SNS HDR, lavorazione con Lightroom. Solite cose più un paio di filtri radiali sul fogliame e sulla ciminiera per aumentare impatto e leggibilità. Un filtro graduato sul terreno per bilanciare l'esposizione. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto. Nota bene: mi è stato fatto notare che la ciminiera in punta ha una inclinazione innaturale. E' solo un effetto ottico dovuto al fatto che non si percepisce bene la posizione e l'altezza della ciminiera. Questa è infatti molto più indietro rispetto ad albero e casa, e soprattutto è molto, ma molto, più alta. Se casa ed albero potevano stare sui tre metri massimo, la ciminiera sicuramente superava i 15-20 metri. Ciò comporta che la punta si veda "in prospettiva", stante la grandangolarità della focale e il raddrizzamento dovuto ad upright di Lightroom; se ci fate caso l'inclinazione è identica a quella del muro a sinistra
  16. Guest

    Gioiosa Marea

    Fra i giri fatti (che continuerò ad illustrare, non vi preoccupate ), qualche foto interessante è uscita fuori anche nel comune in cui ho alloggiato, Gioiosa Marea. Ovviamente la spiaggia l'ha fatta da padrone anche considerando che, oltre ad una bella pietraia usata a mo' di frangiflutti, dalla spiaggia era possibile vedere le Eolie (Lipari e Vulcano con pennacchio) e il promontorio di Capo d'Orlando, entrambi ottimi "sfondi" per le foto Questa che vi propongo è stata scattata, come si vede dal sole "a contatto" col mare, alla fine del tramonto, da cui la divesità di tinte tra l'ora blu entrante e l'ora d'oro uscente. Nulla di originale, i tramonti (come quasi tutto, del resto) mi piacciono banali Eccovi la foto: La spiaggia di Gioiosa Marea: notturni / The Beach of Gioiosa Marea after sunset by Federico Tomasello, su Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2,8, HDR su SpiderPod. Exif: Av, f/13, 1/20, 80iso (foto di mezzo). In PP: tutto su LR, bilanciamento del bianco e vari filtri radiali e digradanti per bilanciare meglio esposizione, contrasti e colori. Metodo "Serge Ramelli" per la gestione generale dell'immagine: luci -100, ombre +100, esposizione a bilanciare l'istogramma, poi neri fino ad averne di assoluti nelle ombre e bianchi lo stesso. Chiarezza -15 per avere più naturalezza, saturazione -10 per evitare "colpi" di colore e vividezza +20 per recuperare un po' di tinte. Esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  17. Guest

    Riassunto di Sora

    Torniamo a pubblicare qualcosa, via. Fra esame, feste, nevicate, compleanno, una SD che ha perso la formattazione e mi ha portato via due giorni di lavoro per recuperare foto, ho un po' pubblicato di meno, rimanendo ancora alle foto pre-natalizie. Questa invece è del 31 dicembre scorso, quando ho cercato di approfittare di una breve nevicata nel mio comune per rendere un po' d'atmosfera. Purtroppo, avendo nevicato di notte e di mattina, di pomeriggio era rimasto poco... ma non vorrete mica che mi alzi alle 8 durante le vacanze! Eccovi la foto: Riassunto di Sora / Summary of Sora by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto con telecomando. Exif: B, f/11, 76s (1m 16s), 80 ISO In pp: tutto in LR. Solite cose più svariati filtri selettivi (pennello, radiale, digradante) per bilanciare le esposizioni della scena, riducendola soprattutto sulla sinistra.
  18. E un ultimo estratto dalla gitarella in Abruzzo della settimana scorsa: ci ero andato per questo, ma purtroppo la nebbia mi ha concesso solo tre quarti d'ora scarsi per provarci, fra l'altro a ridosso dell'alba incombente e illuminante. Un peccato, vero, perché con la luna nuova e il cielo limpido di quella sera gli astri erano visibili a migliaia, e la Via Lattea non solo "avvertibile" ad occhio nudo, ma ben visibile e delineata. Eccovi la foto: Il Firmamento / Heavens by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto, con telecomando. Quattro scatti per il cielo, uno per il terreno (illuminato con light painting tramite torcia). Exif: M, f/2.8, 25s, 5000ISO. In PP: ho provato una nuova lavorazione, molto molto soddisfacente. 1) Importazione dei raw in lightroom, ed esportazione delle quattro foto in .tiff. 2) Importazione dei tiff in Deep sky stacker, un software gratuito che allinea le stelle e permette di sovrapporre più immagini in modo che il rumore digitale si annulli sovrapponendosi a se stesso. In pratica il rumore, essendo casuale e non comparendo quasi mai nello stesso punto, se viene allineato con altre foto identiche tende ad eliminarsi, e la foto ritorna pulita. Le stelle purtroppo si muovono, e quindi ci vuole un software apposito che riesca a individuarle e girare le foto in modo da sovrapporle. 3) Il procedimento di cui al punto precedente allinea il cielo e, di conseguenza, disallinea cioè che sta sulla terra, in questo caso monti, osservatorio e prato. Ho importato la foto ottenuta da Deep Sky Stacker su GIMP e ho aperto una delle quattro foto originali come livello. Ho quindi copincollato la parte terrestre della foto originale, sul .tiff ottenuto dalla fusione dei quattro scatti, avendo così finalmente una foto col cielo allineato e poco rumoroso e il primo piano fermo. Purtroppo GIMP ha limitazioni dei colori, con Photoshop avrei mantenuto più tonalità. 4) Ho reimportato il .tiff finale in LR, e l'ho lavorato come al solito: bilanciamento del bianco (selettivo su cielo e terra con filtri graduati), curve, contrasto, chiarezza e luminosità selettiva con filtro radiale sulla Via Lattea visibile, un filtro radiale per attenuare l'inquinamento luminoso all'orizzonte, un filtro radiale per esaltare un po' l'osservatorio, togliere un po' di rumore e aggiungere nitidezza e contrasto. 5) Esportazione e leggera maschera di contrasto.
  19. Guest

    Esplosioni nel cielo

    Nuova uscita dal tramonto all'alba a Campo imperatore, alla ricerca di cieli stellati. Anche questa volta poca fortuna, con meno di un'ora sfruttabile per le foto alla volta celeste, causa nebbia. In compenso, come la volta scorsa, infinite foto al tramonto e all'alba, e ai paesaggi della montagna abruzzese. Ho diviso il set in più parti, e ho pubblicato per ora la prima (in bianco e nero). Questa per ora ha ricevuto un discreto successo, e quindi ve la propongo anche qui: Esplosione in cielo / Explosion in the sky by Abulafia82, on Flickr K-5 + Samyang 14/2.8, a mano libera. Bracketing di 5 foto (da -2 a +2). Exif: Av, f/13, tempi da 1/125 a 1/8, 80ISO. In PP: importazione in LR, esportazione dei tiff, montaggio in HDR con SNS-HDR, profilo "drammatico". Reimportazione su LR, aggiustatina a curve e toni, esportazione in jpg e lieve maschera di contrasto.
  20. Guest

    Specchio Naturale.

    Sabato scorso con un amico siamo saliti (nuovamente, visto che ci ero stato un mese fa) a Campo Imperatore, altipiano centrale del Parco del Gran Sasso e dei Monti della Laga. L'intenzione era quella di sbizzarrirci un po' con foto alla Via Lattea e startrails vari (cosa che cerchiamo di fare da quasi due anni, e per un motivo o per un altro non ci riesce mai). Il meteo però è stato clemente solo fino a poco dopo mezzanotte, per poi invece oscurare tutto il cielo con le nubi. In compenso siamo riusciti a sfruttare bene sia il tramonto sia, in parte, l'alba (abbiamo dormito in auto direttamente sul posto) per foto di paesaggio più classiche. Siccome con quella luce e con quel paesaggio ogni foto esce particolarmente bene, ho deciso di dividere tutto lo scattato in "pacchetti" più piccoli, altrimenti per caricarli su Flickr ci avrei messo mezza giornata. La prima sezione è il tramonto del sabato in bianco e nero, e questa credo sia la migliore del set. Lago di Pietranzoni / Pietranzoni Lake by Abulafia82, on Flickr Pentaxa K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto. 5 esposizioni da -2 a +2 EV. Exif: Av, f/11, tempi da 1,3s a 20s, 80ISO, -1EV In PP: importazione in LR, esportazione dei 5 .tiff a grandezza piena in SNS-HDR e unione in HDR, con profilo "default". Reimportazione in LR, conversione in bianco e nero, filtro radiale sul Gran Sasso con abbassamento del contrasto e aumento della chiarezza e della nitidezza, aggiustamento delle curve per aggiungere ancora contrasto. Abbassamento delle luci sul cielo e leggerissima apertura delle ombre. Esportazione e leggera maschera di contrasto sul .jpg.
  21. Guest

    Via Lattea.

    Sabato scorso, oltre alle varie foto del lago che già vi ho proposto, con un mio amico abbiamo tentato l'avventura della foto notturna, la vera "missione" della nostra uscita fotografica. Erano un paio di anni che provavamo a cercare la gioranta giusta per fare una cosa del genere, e finalmente ci siamo riusciti. La Luna era al 30% di luminosità (si può fare di meglio, ma già così non è male), le condizioni meteo indicavano sereno, la temperatura è quella estiva (almeno a livello del mare) e l'attrezzatura al completo e funzionante. Ci siamo quindi decisi a passare la nottata sul piazzale e nei dintorni di Campo Imperatore, 2100 metri e abbastanza lontano dai centri abitati da ridurre l'inquinamento luminoso ad una fascia arancione poco sopra l'orizzonte (ma solo nel peggiore dei casi). La Luna è "tramontata" dietro la montagna poco prima di mezzanotte, cioè quando la Via Lattea ha iniziato a mostrarsi più alta in tutta la sua intensità. La parte visibile della nostra galassia era perfettamente individuabile ad occhio nudo, confermando che la località è adattissima a questo tipo di foto. Abbiamo dunque iniziato a sperimentare le esposizioni ambientando la Via Lattea su ciò che ci circondava (albergo, stazione della funivia, osservatorio, chiesa, monti), con l'intenzione poi di andarcene poco più basso per cercare punti ancora più bui ma soprattutto ambientazioni più interessanti. Purtroppo poco dopo si è alzato un forte vento che, oltre a congelarci (si è andati subito verso i 6°C), ha accumulato una fitta coltre di nubi che ha coperto il cielo fino al mattino. Dopo tante chiacchiere, eccovi la foto: Funivia e Via Lattea / Cable Car and Milky Way by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto, con telecomando. Exif: M, f/2.8, 25s, 5000ISO. In PP: importazione in LR e correzione della prospettiva e delle distorsionii. Bilanciamento del bianco generale. Parecchio lavoro localizzato per sottolineare e far risaltare la striscia galattica della Via Latte; in particolare un filtro graduato sulla parte alta del cielo per bilanciare l'esposizione di tutta la parte stellata, un filtro graduato sulla parte bassa per abbassarne un po' l'esposizione ed eliminare un po' di rumore, un ulteriore filtro graduato su tutto il cielo per eliminare la domiante giallastra dell'inquinamento luminoso e riportare i colori al blu naturale. Poi un paio di filtri radiali: uno per aumentare chiarezza, nitidezza e luminosità della Via Lattea, l'altro (inverso) per crearle un contorno meno invadente. Esportazione in JPG, e leggera maschera di contrasto e ancora un po' di filtro antirumore.
  22. Questa foto è la dimostrazione di come si possa trascurare il ragionare di una cosa banale: avevo scattato due diverse serie di foto a due inquadrature della piazza, con l'intenzione di realizzare un paio di HDR. Li ho fatti, e li ho anche pubblicati su Flickr e Facebook. Solo oggi, a distanza di più di una settimana dallo scatto e di una settimana dalla pubblicazione, mi sono accorto che le due foto realizzate erano "contingue", e perciò non difficilmente unibili in stitching. Le foto sono state scattate assolutamente non tenendo conto del fattore panoramico e quindi in vista di una successiva unione; non ho preso dunque nessun accorgimento, e nella foto che vi propongo si nota abbastanza. Infatti se per fare una panoramica di una veduta lontana o naturale basta scattare le foto a mano libera senza preoccuparsi troppo (basta ruotare su se stessi), per le foto d'architettura o comunque con elementi umani o molto riconoscibili è quasi impossibile agire in questo modo. Non basta neanche un semplice cavalletto, e neanche una testa fotografica con funzione panoramica (che hanno ormai tantissimi modelli a sfera o a tre vie). Per riuscire bene nell'intento è necessario avere o una vera testa panoramica (almeno un paio di centinaia di euro, fino a migliaia di euro di costo), o quantomeno cercare di scattare girando in asse non con la macchina fotografica, ma sul punto nodale dell'obiettivo (circa il suo "centro"). Per far cioè è necessario avere un paio di staffe in modo da poter montare la fotocamera più indietro rispetto all'aggancio della testa del treppiede, magari con una staffa ad "L" in modo da poter tenere la fotocamere verticale ed includere maggior spazio. In caso contrario, come nella mia foto, elementi che in origine erano dritti si "curvano" e assumono strane distorsioni. Nonostante ciò ho voluto provare, e il risultato (benché con i detti errori), non mi è spiaciuto affatto, e il colpo d'occhio mi interessa abbastanza dal passar sopra alle linee curve dei palazzi. Eccovi la foto: Panoramica del Campidoglio / Panorama of the Capitoline Hill by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 e Samyang 14/2.8, su cavalletto, con telecomando. Due fotografie in bracketing (5 scatti per foto) da -3 a +1, unite con Microsoft ICE Exif: Av, f/11, tempi vari da 2 a 30s, 160ISO, -1EV In PP: per ogni parte della foto ho provveduto a realizzare un HDR con SNS-HDR, profilo "default". In LR semplici accorgimenti sulle curve, le luci e il contrasto, nonché il bilanciamento del bianco. Una volta realizzate le due foto, ho deciso di unirle con Microsoft ICE, software gratuito. Ho lasciato scegliere la programma la proiezione con cui unire le foto, ed il risultato è stato abbastanza soddisfacente, anche se con gli angoli ed alcune altri punti "non coperti da immagine". Ho comunque salvato il .TIFF che ho elaborato con GIMP, ricostruendo con il timbro clone le parti mancanti. Alla fine un ultimo ritocco con LR (GIMP abbassa i bit da 14 a 8, modificando i colori), ed esportazione in jpg con a seguito una media maschera di contrasto.
  23. Guest

    Lago di Pietranzoni al mattino

    Non c'è tre senza quattro... Visto che vi ho proposto lo stesso lago al tramonto, durante l'ora blu ed in bianco e nero, ora tocca all'ultima versione, quella "mattiniera", un'oretta dopo l'alba. Un riassunto delle precedenti puntate: -Tramonto: http://www.fotocomefare.com/forum-fotografia/topic/4969-lago-di-pietranzoni/ -Ora blu: http://www.fotocomefare.com/forum-fotografia/topic/4977-ora-blu-sul-gran-sasso/ -Bianco e nero: http://www.fotocomefare.com/forum-fotografia/topic/4964-specchio-naturale/ Eccovi l'ultima foto. Lago di Pietranzoni al mattino / Pietranzoni Lake in the Morning. by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, a mano libera (m'ero scordato il cavalletto in auto). Bracketing di 5 scatti, da -2 a +2EV Exif: Av, f/6.3, tempi da 1/125 a 1/8, ISO160, -1.3EV In PP: importazione in LR, esportazione in .TIFF, montaggio dei 5 file in SNS-HDR profilo "naturale", reimportazione del risultato in LR, aggiustamento del bilanciamento del bianco e delle curve, vividezza aumentata e saturazione attenuata, filtro graduato in basso per bilanciare l'esposizione con l'alto (schiarita, aumento di contrasto e chiarezza), filtro radiale sul Gran Sasso con aggiunta di chiarezza e nitidezza e abbassamento del contrasto per migliorarne la leggibilità. Esportazione in .jpg e leggera maschera di contrasto.
  24. Guest

    Lago di Pietranzoni

    E mentre m'accingo a partire per Roma per farmi una nottata fotografica fino all'alba, vi lascio anche la versione a colori della foto pubblicata ieri. Lago di Pietranzoni / Pietranzoni Lake by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto. 5 scatti in bracketing da -2 a +2, per due inquadrature. Exif: Av, f/9, tempi vari (da circa 1s a 20s), 80ISO. In PP: importazione su Lightroom, esportazione di due serie da 5 scatti in .tiff. Ogni serie unita su SNS-HDR (profilo drammatico), e poi i due .tiff risultanti uniti con Microsoft ICE. Reimportazione in Lightroom, bilanciamento del bianco, correzioni selettive della luminosità, correzione curve, correzione selettiva di alcuni colori, esportazione in jpg e leggera maschera di contrasto.
  25. Guest

    Ora blu sul Gran Sasso

    Continuo la serie del Lago Pietranzoni: dopo il bianco e nero ed il tramonto, l'ora blu. Specifico fin d'ora che il colore è quello *naturale* del post-tramonto, non è che l'ho virata in blu io Ovviamente la fotocamera coglie più blu di quello che si coglie ad occhio, ma neanche troppo. Aggiungo che, per ora (ho ancora le foto del post-alba da sviluppare), questa versione è quella che personalmente apprezzo di più (ma sono un fan sfegatato dell'ora blu, in generale). Ecco la foto: Ora blu sul Gran Sasso / Blue Hour on Gran Sasso by Abulafia82, on Flickr Pentax K-5 + Samyang 14/2.8, su cavalletto. Bracketing di 5 foto da -2 a +2 EV Exif: Av, f/11, tempi da 2s a 30s, 80ISO, -1EV. In PP: importazione in LR, esportazione in .TIFF, unione degli scatti con SNS-HDR (profilo drammatico), reimportazione del .TIFF in LR e poche modifiche (ritaglio, curve, contrasto, alte luci ed il solito filtro radiale sul Gran Sasso per renderlo un po' meno ovattato dalla foschia). Esportazione in .jpg e lieve maschera di contrasto.
×
×
  • Create New...