Jump to content

Recommended Posts

Salve,

Questa è la mia prima discussione su questo forum e la prima volta che mi approccio ad altri fotografi. E' da un anno che scatto in dsrl con la mia nikon d3100 e il mio amato 18-55. I miei scatti sono per lo più delle scampagnate che faccio o delle gite che faccio con la mia ragazza perciò per lo più panorami con soggetto o solo panorami. Ho anche sperimentato molti altri generi nel corso dell'anno ma quello che mi piace di più è il paesaggio forse perché è quello che ho scattato di più. Anche un pò di street quando mi riesce a fortuna ;)

Da un paio di mesi i miei scatti mi sembrano sempre uguali e provando a variare impostazioni o pp non mi soddisfano vorrei sapere come superare questo blocco. Vi lascio qualche foto che ho fatto ieri a Napoli e Salerno. In più vorrei capire come modificare le foto delle luminarie che non riesco in nessuna maniera a farmele piacere :( 

https://drive.google.com/drive/folders/1CylVlGOvEA8zsDJalfccIQ-32Jd1PR22?usp=sharing

Fatemi sapere grazie :D E buona Luce a tutti :D 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Cost, diciamo che non sono malaccio ma molte peccano di inquadratura e composizione con elementi + o - di disturbo presenti (es: il telo arancione da cantiere, pezzi di albero che spuntano quà e là, un lampione pizzicato ecc) ho utilizzato per circa 3 anni il mitico 18-55 kit detto il "plasticoso" e devo dire che usato con accortezza da delle belle soddisfazioni (se vai in flickr dal sottoscritto te ne fai un'idea) ma per valorizzarlo al meglio devi avere pazienza e luce, essendo un obiettivo non proprio luminoso necessita di luce altrimenti inevitabile e obbligatorio l'uso del tripode, mai tirarlo a fine corsa (cioè 18mm) ma una volta arrivato a fine corsa ritorna di un paio di millimetri, diaframma f8 dovrebbe darti un maggior dettaglio. Poi dovresti impratichirti con la post produzione per dare un tocco personale ai tuoi scatti, per le luminarie sono tutte sfocate non da micromosso ma da mosso vero e proprio, qui ti ci voleva il tripode.

Riguardo alla monotonia cerca luoghi non frequentati dalla massa, vai ad orari in cui la luce è piu "bella" inevitabilmente alba e tramonto, guarda spesso il cielo e attendi quando ci sono quei bei nuvoloni molto scenografici specialmente se sono presenti al tramonto, visita i luoghi che vuoi fotografare con sopralluoghi e trova i pdr più adatti e inusuali, vedrai che farai fatica ad annoiarti anche se fotografi sempre lo stesso paesaggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi associo ai commenti precedenti, altra cosa che mi sento di consigliarti è prestare attenzione alla" livella" tutti i primi quattro scatto pendono chi più chi meno, soffrono di leggera sottoesposizione, mentre il primo ha un enorme effetto "di distorsione prospettica" non molto bello da vedere (tutti piccoli problemi facilmente risolvibili in post produzione, ma se presti maggior attenzione in fase di scatto è sempre molto meglio!)

Un'ultima cosa, segui il consiglio di avvicinarti alla post produzione (anche base va benissimo) e inizia a scattare in RAW (se già non lo fai) questo ti permetterà di intervenire sugli scatti e poter apportare alcune correzioni/interventi senza perdita di qualità nella esportazione finale in formato .jpeg, con la possibilità di ripendere in qualsiasi momento il file originale (raw)

Un saluto Roberto ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, phonix dice:

ciao Cost, diciamo che non sono malaccio ma molte peccano di inquadratura e composizione con elementi + o - di disturbo presenti (es: il telo arancione da cantiere, pezzi di albero che spuntano quà e là, un lampione pizzicato ecc) ho utilizzato per circa 3 anni il mitico 18-55 kit detto il "plasticoso" e devo dire che usato con accortezza da delle belle soddisfazioni (se vai in flickr dal sottoscritto te ne fai un'idea) ma per valorizzarlo al meglio devi avere pazienza e luce, essendo un obiettivo non proprio luminoso necessita di luce altrimenti inevitabile e obbligatorio l'uso del tripode, mai tirarlo a fine corsa (cioè 18mm) ma una volta arrivato a fine corsa ritorna di un paio di millimetri, diaframma f8 dovrebbe darti un maggior dettaglio. Poi dovresti impratichirti con la post produzione per dare un tocco personale ai tuoi scatti, per le luminarie sono tutte sfocate non da micromosso ma da mosso vero e proprio, qui ti ci voleva il tripode.

Riguardo alla monotonia cerca luoghi non frequentati dalla massa, vai ad orari in cui la luce è piu "bella" inevitabilmente alba e tramonto, guarda spesso il cielo e attendi quando ci sono quei bei nuvoloni molto scenografici specialmente se sono presenti al tramonto, visita i luoghi che vuoi fotografare con sopralluoghi e trova i pdr più adatti e inusuali, vedrai che farai fatica ad annoiarti anche se fotografi sempre lo stesso paesaggio.

Condordo pienamente con te e ti sono grato dei consigli, appena trovo un po di tempo farò la prova di fotografare posti nuovi della mia zone durante le ore consigliate da te. Per le luci di natale non ci avevo proprio pensato al cavalletto e non l'avevo neanche con me durante il viaggio però la prossima volta adesso me lo ricorderò sicuro! La composizione vedrò di migliorarla infatti come hai detto tu sono proprio quegli elementi di disturbo che forse non mi fanno apprezzare gli scatti recenti. 

Ps. E' vero il 18 55 mi ha regalato belle sorprese a volte non credendo neanche di poter scattare così bene in certe condizioni. L'unica pecca è che la d3100 non mi aiuta per niente con gli iso. Grazie di cuore della risposta!

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Harma dice:

Ciao Constantyn...intanto cominci a postare una foto alla volta,così facendo diventa più facile darti dei consigli..:)..

Hai ragione, scusa del sovraffollamento, dalla prossima discussione ne metterò una per volta grazie mille ! Aspetto comunque tuoi consigli su una o più foto se hai avuto modo di vedere :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, bobol dice:

mi associo ai commenti precedenti, altra cosa che mi sento di consigliarti è prestare attenzione alla" livella" tutti i primi quattro scatto pendono chi più chi meno, soffrono di leggera sottoesposizione, mentre il primo ha un enorme effetto "di distorsione prospettica" non molto bello da vedere (tutti piccoli problemi facilmente risolvibili in post produzione, ma se presti maggior attenzione in fase di scatto è sempre molto meglio!)

Un'ultima cosa, segui il consiglio di avvicinarti alla post produzione (anche base va benissimo) e inizia a scattare in RAW (se già non lo fai) questo ti permetterà di intervenire sugli scatti e poter apportare alcune correzioni/interventi senza perdita di qualità nella esportazione finale in formato .jpeg, con la possibilità di ripendere in qualsiasi momento il file originale (raw)

Un saluto Roberto ;)

Sisi scatto in Raw e poi esporto in jpeg da LR per comodità di whatsapp ecc... Per il discorso della livella esco matto la camera non avendola cerco di regolarmi con la croce dei punti della messa a fuoco per la maggior parte delle volte cercando poi di sistemarla in LR, ma certe volte su strade con molti dislivelli mi esce difficile! Per quanto riguarda la distorsione l'avevo notato anche io ma avevo attivato la correzzione della lente su LR me le ha rese così. Infatti ero perplesso pure io ma avendole scattate quasi tutte a 18/20 ho detto forse mi ha corretto LR la distorsione della focale. Grazie mille Roberto del commento e seguirò i tuoi consigli :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites

a parte le uscite, dove comunque scatti anche per avere un ricordo del posto che hai visitato o della giornata passata...il mio consiglio è quello di girare anche senza macchina fotografica, osservare posti, angoli..analizza i posti pensando a che foto vorresti tirarci fuori, e poi organizzati per fare quello scatto..
Oppure quando esci e fai tanti scatti, quelli che non sono venuti osservali bene, e pensa come potresti correggere la foto..poi vaia. rifalla

Share this post


Link to post
Share on other sites

se posso aggiungere un altro consiglio, non guardare tanto il soggetto, quanto la luce e le ombre. Uno stesso soggetto può apparire molto diverso anche solo per le condizioni di illuminazione. É un modo di guardare al quale non si é abituati, ma fa la differenza. Ps. La foto con capri e le scogliere di via Caracciolo ha un pdr molto interessante! Mi hai dato delle buone idee. 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 5/1/2018 at 00:10, fluid dice:

a parte le uscite, dove comunque scatti anche per avere un ricordo del posto che hai visitato o della giornata passata...il mio consiglio è quello di girare anche senza macchina fotografica, osservare posti, angoli..analizza i posti pensando a che foto vorresti tirarci fuori, e poi organizzati per fare quello scatto..
Oppure quando esci e fai tanti scatti, quelli che non sono venuti osservali bene, e pensa come potresti correggere la foto..poi vaia. rifalla

Da quando ne ho ricordo ho vissuto sempre con l'idea di guardare squarci mentre ero in macchina o camminando e dire "ma che bella foto qui" :) proverò sicuramente a seguire il tuo consiglio sugli scatti sbagliati non ci avevo mai pensato grazie mille :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/1/2018 at 11:56, CarloM dice:

se posso aggiungere un altro consiglio, non guardare tanto il soggetto, quanto la luce e le ombre. Uno stesso soggetto può apparire molto diverso anche solo per le condizioni di illuminazione. É un modo di guardare al quale non si é abituati, ma fa la differenza. Ps. La foto con capri e le scogliere di via Caracciolo ha un pdr molto interessante! Mi hai dato delle buone idee. 😉

Grazie Carlo del consiglio e infatti ho notato che non riesco mai ad avere la giusta esposizione tra luce e ombre, consigli qualcosa da leggere per correggere questo difetto? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

fai come consiglia fluid. Osserva le luci come cambiano alle varie ore e nelle diverse stagioni, comincerai a farci l'abitudine. Anche quando guardi una foto, cerca di capire come é stata gestita la luce e che valore ha. É un fatto di pratica. Poi vai a mostre fotografiche o guarda anche su internet i lavori dei fotografi famosi e non. Ce ne sono tantissimi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×