Jump to content

Canone rai


Guest Claudio - PU

Recommended Posts

io da un paio di anni non ho tv, più per pigrizia che per altro (ogni tanto ci provo a vedere qualcosa, poi mi rompo a dover studiare pure il mondo delle tv e alla fine "sticazzi!").

 

Tanto è da quando è uscito Tomb Raider che non guardo praticamente più la tv, e preferisco stare al pc a cazzeggiare o a postprodurre foto.

Quando c'è qualcosa di interessante (gazebo, forse qualcosa su rai5) o lo vedo sul tablet o, se non lo mettono online, non lo vedo. Alla fine, sono loro che devono vendermi il prodotto, non io che devo comprarlo.

 

Per quanto riguarda il canone in bolletta, so che è una bojata il fatto che da un canone si è passati ad una tassa di possesso che ora è annegata in una tariffa, ma siamo in Italia, il paese in cui i gioiellieri in media dichiarano un irpef inferiore alla media dei loro dipendenti. Certo, avrei preferito il passaggio della rai al Pay Per View, come sky o mediaset, con un canale di servizio per cui tutti, indipendentemente dal possesso o meno del televisore, avremmo dovuto pagare un canone esiguo, mentre peppa pig ed il calcio li avrei spediti sui canali a pagamento.
Però evidentemente la politica non farà mai un discorso del genere, perché comunque in circa il 98% delle case italiane (è una stima di 4-5 anni fa fatta in un sondaggio che andava a stimare i consumi medi) è presente una TV, e si è visto come chiunque governi usi la rai per farsi campagna elettorale gratis.

 

Sinceramente, fare un discorso di valori e "giustizia" quando vediamo tutti come sono pagate le tasse e le tariffe (ancora ricordo gli universitari ad isee inferiore ai 1000 euro...), mi fa un po' sorridere. Ad un popolo di furbacchioni corrisponde necessariamente uno Stato furbacchione.

Link to post
Share on other sites
Guest Claudio - PU

"Ad un popolo di furbacchioni corrisponde necessariamente uno Stato furbacchione."

Quindi tutto regolare, va bene così!? Eggià, la solita storia:"Siamo in Italia!!!". Io in realtà mi comincio a stufare.

Rispondendo ad Abu, nessun livore da parte mia nei confronti del canone RAI. Chi ha la televisione paga il canone! Punto. Il fatto che sei scemo perché guardi la televisione lo affermi tu, perché io non l'ho mai detto e nemmeno pensato.

Ci sarebbe tanto da aggiungere ma io la chiudo qua, come dice Fluid non mi pare nemmeno la sede giusta.

Link to post
Share on other sites

Fluid qui si parlava di canone, le mille altre ruberie le conosciamo più o meno tutti

"...Però è una tassa che c'è e va pagata,..." certo, è un dovere pagare le tasse ma dei diritti cosa mi dici? Dov'è il mio diritto al lavoro sancito dalla Costituzione? Dov'è il mio diritto alla salute? Vedi le ultime riforme studiate dalla signora Lorenzin e ti rendi conto dove è finita la prevenzione e di conseguenza la tua salute. Della sicurezza per strada ne vogliamo parlare? Ci rendiamo conto che non abbiamo nemmeno il diritto di difenderci in casa nostra. Come vedi almeno io mi indigno anche per altre cose e ce ne sono molte altre.

Solo il dovere di pagare abbiamo e francamente io sono stufo.

Link to post
Share on other sites

Scusate eh, ma sembra che non vi sia chiaro un concetto che dovrebbe essere semplice: i servizi pubblici non si pagano a consumo, si pagano per farli esistere.

Se non mi sento male pago lo stesso la sanità pubblica, se non ho un'automobile pago lo stesso le strade e i trasporti, se non prendo l'autobus non pago il biglietto ma pago comunque per la gestione dei mezzi, se non vado a scuola pago lo stesso per la gestione delle scuole etc etc etc.

La RAI è, ancora oggi, un servizio pubblico e va finanziato dalla cittadinanza a prescindere se la cittadinanza possa o voglia usufruirne.

Il vero problema è che non è stata mai aggiornata la dizione di "canone", che fa pensare ancora a qualcosa legato al consumo. Chiamatela semplicemente "Tassa" e così vivrete felici (si fa per dire) senza farvi tutti sti problemi sull'avere o non avere un televisore.
Perché il punto è questo: la RAI è un servizio pubblico e va pagato da tutti i cittadini, che la guardino o meno, che abbiano una tv o meno, che si chiudano in eremo alpino senza corrente o meno. :)

Link to post
Share on other sites

"Ad un popolo di furbacchioni corrisponde necessariamente uno Stato furbacchione."

Quindi tutto regolare, va bene così!? Eggià, la solita storia:"Siamo in Italia!!!". Io in realtà mi comincio a stufare.

Rispondendo ad Abu, nessun livore da parte mia nei confronti del canone RAI. Chi ha la televisione paga il canone! Punto. Il fatto che sei scemo perché guardi la televisione lo affermi tu, perché io non l'ho mai detto e nemmeno pensato.

Ci sarebbe tanto da aggiungere ma io la chiudo qua, come dice Fluid non mi pare nemmeno la sede giusta.

 

non ho detto che "va bene così", ma che alla fine ognuno ha la classe politica e l'organizzazione statale che meglio lo rappresenta.

 

Io avrei preferito una tassa per un canale pubblico, in stile BBC, che fosse corrisposta da tutti, anche per le radio, perché sarebbe un servizio pubblico, come le strade, la scuola ecc.

Però oggetivamente la realtà della rai è ben diversa, si finanzia anche (molto) con la pubblicità, ha una funzione di informazione legata non allo Stato ma alla maggioranza di governo, ha una governance in aperto contrasto con le regole della PA, ed agisce come agente perturbante nel mercato della pubblicità e dei media.

 

Mi sta bene pagare un servizio pubblico, ma poi sarebbe da capire come mai il farmaco anticolesterolo non è abbastanza "servizio pubblico" da dover comunque necessitare della corresponsione di un ticket, mentre per Peppa Pig c'è sia il canone che le royalties della pubblicità. :)

 

Modifico per aggiungere un paio di considerazioni sul discorso relativo alla TV. La bbc "pubblica" trasmette su più piattaforme ed è impossibile poter dire di non avere modo di vederla. La rai ha una programmazione differente tra tv, tv satellitare, sito web ed app (che non funziona su buona parte dei tablet e telefonini con chipset mediatek).

Link to post
Share on other sites

Ma infatti non si discutono le porcherie della Rai e il paragone con la BBC è impietoso...e la tv inglese non fa mica solo servizio pubblico, fa tanto, tantissimo intrattenimento.

Ma credo che anche molti inglesi paghino quella tassa di malavoglia...devo ancora vedere qualcuno felice quando paga le tasse..
Quello che a me ha fatto specie è che rispetto agli anni scorsi l'insofferenza è aumentata in modo palpabile..e questo evidentemente perché non è più possibile sfuggire la tassa sulla tv..che per altro non paga solo le trasmissioni ma tiene in piede i tralicci, i satelliti e quant'altro ci permette di avere il segnale in casa..quindi colle mille storture che può avere la scelta fatta ha il lato positivo di non creare italiani fessi che pagano e italiani furbi che evadono..il sistema fiscale italiano dovrebbe essere tutto fatto così...insegnati che guadagnano meno dei gioiellieri e dentisti che dichiarano meno delle loro assistenti, non aggiungo altro..per me queste sono ingiustizie al pari del non aver l'assistenza sanitaria che mi spetterebbe, o il diritto al lavoro che è sancito dalla costituzione.

Link to post
Share on other sites

Ma infatti non si discutono le porcherie della Rai e il paragone con la BBC è impietoso...e la tv inglese non fa mica solo servizio pubblico, fa tanto, tantissimo intrattenimento.

Ma credo che anche molti inglesi paghino quella tassa di malavoglia...devo ancora vedere qualcuno felice quando paga le tasse..

Quello che a me ha fatto specie è che rispetto agli anni scorsi l'insofferenza è aumentata in modo palpabile..e questo evidentemente perché non è più possibile sfuggire la tassa sulla tv..che per altro non paga solo le trasmissioni ma tiene in piede i tralicci, i satelliti e quant'altro ci permette di avere il segnale in casa..quindi colle mille storture che può avere la scelta fatta ha il lato positivo di non creare italiani fessi che pagano e italiani furbi che evadono..il sistema fiscale italiano dovrebbe essere tutto fatto così...insegnati che guadagnano meno dei gioiellieri e dentisti che dichiarano meno delle loro assistenti, non aggiungo altro..per me queste sono ingiustizie al pari del non aver l'assistenza sanitaria che mi spetterebbe, o il diritto al lavoro che è sancito dalla costituzione.

 

no, la rete è di proprietà di raiway, che è un fornitore per la rai.

...che poi è una specie di scatola cinese, quotata in borsa, con dirigenti a nomina politica.

 

Tutte le reti televisive e le emittenti radiofoniche della BBC, tranne BBC World News, vengono finanziati esclusivamente dal canone televisivo, e perciò non trasmettono pubblicità. Invece BBC World News, trasmettendo in chiaro in tutto il mondo, e perciò non essendo riservata ai soli abbonati alla BBC, viene finanziata esclusivamente dalla pubblicità.

Link to post
Share on other sites
Guest Claudio - PU

letto ora sul sito dell'agenzia delle entrate.

 

L’applicazione web per l’invio del modello di dichiarazione sostitutiva sarà disponibile a partire dal 4 aprile 2016.

Si grazie Giuseppe,

L'ho letto anche io.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...