Jump to content

[Lightroom] "prova colore, profilo sRGB" ?


Recommended Posts

Ciao a tutti.

Uso lightroom da circa un anno, e da un anno mi chiedo se la prova colore a schermo con profilo sRGB va considerata. Poi ora che finalmente  sono riuscito ad acquistare un colorimetro è diventato un chiodo fisso.

Mi spiego meglio.

Ho capito che la prova colore serve per effettuare una simulazione di come  saranno i colori su un  profilo colore o dispositivo diverso, Ma è utile se si setta come profilo di output l' sRGB? che sarebbe poi il profilo che includerò durante l'esportazione della foto.

Mi chiedo tutto questo perchè, elaborando le mie foto in lightroom, nell'istogramma non ci sono clip vari ma, andando poi nella prova colore vedo nell'istogramma che parte della foto è in clip e molte volte anche di molto ma a occhio sul mio monitor, non vedo questi grossi problemi segnalati da LR. C'è qualcosa che non va con il monitor/colorimetro e magari è calibrato male o è normale?

Quindi.Me ne infischio perchè magari è solo una "paranoia" o  devo  cercate di rimanere nel profilo sRGB facendo correzioni o desaturando?

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Risolto?
Intanto se tu sviluppi il tuo file nello spazio colore srgb, semplicemente da quel gamut non esci, se lavori in prophoto invece stai elaborando in uno spazio enorme ed è possibile che poi qualche luce od  ombra si bruci in spazi più piccoli..la prova colore ti serve per simulare la stampa, usala per quello...e lavora direttamente in srgb.
Per preparare file per essere visionati su schermo  ti basta limitarti a restare nel srgb..poi è una giungla, non pensare nemmeno per sbaglio di vedere la stessa foto uguale su due schermi diversi.

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
Il 24/7/2016 at 18:46, fluid dice:

Risolto?
Intanto se tu sviluppi il tuo file nello spazio colore srgb, semplicemente da quel gamut non esci, se lavori in prophoto invece stai elaborando in uno spazio enorme ed è possibile che poi qualche luce od  ombra si bruci in spazi più piccoli..la prova colore ti serve per simulare la stampa, usala per quello...e lavora direttamente in srgb.
Per preparare file per essere visionati su schermo  ti basta limitarti a restare nel srgb..poi è una giungla, non pensare nemmeno per sbaglio di vedere la stessa foto uguale su due schermi diversi.

Grazie per il tuo intervento. Il problema che mi pongo in effetti è più per la visualizzazione della foto su schermo.

Uso la simulazione di output in sRGB forse erroneamente per capire se quando esporterò la foto elaborata in prophoto, in uno spazio di colore più piccolo che è appunto sRGB uscirò fuori dal gamut, ho almeno credo che questa funzione serva per questo. Però mi sono accorto che se ho una foto con avvertimenti di zone bruciate nella prova profilo, una volta esportata  in jpg con profilo di colore sRGB, e la importo in lightroom,  non ho più avvertimenti di zone bruciate. Quindi da questo posso dedurre che durante l'esportazione lightroom "schiacci" i colori per farli entrare in uno spazio di colore più piccolo rispetto al suo spazio di lavoro proprietario che è il prophoto. Quindi in teoria il problema non sussiste. Come dici tu forse è meglio se userò la prova colore solo se stamperò la foto.

Link to post
Share on other sites

Guarda intanto valuta che schermo hai e che gamut ha...semplicemente lavorando in prophoto non vedrai a occhio nudo che cosa stai facendo, e vedrai quello che ti consente le schermo..se copre tutto srgb ti limiti a quello.
Quando esporti da uno spazio colore a un altro, avvengono una serie di operazioni interne dove partendo dallo spazio colore che hai usato per la post, passando da Lab si arriva a Srgb o quello che ti serve..questa operazione viene gestita in vari modi, Percettivo, colorimetro relativo ecc..senza entrare nei dettagli questa operazione va a intervenire su tutti i colori fuori gamut e li cambia.
In pratica se tu hai un rosso o un blu che l'anteprima ti segnala come bruciati per l'srgb, beh la conversione li modifica in modo da renderli compatibili nel nuovo spazio..e semplicemente tu hai un colore diverso per saturazione, luminosità e contrasto.
Io per questo ti consiglio di lavorare direttamente nello spazio di conversione finale, o in ogni caso di mantener iil file entro gli avvisi che ti da la prova colore, altrimenti se esci di poco la variazione può essere quasi invisibile, ma in altri casi può essere sostanziale..stravolgendo la foto.

Link to post
Share on other sites

Quello della gestione del colore sembra un discorso molto complesso per me che sono un novizio, infatti ti ringrazio di avermi spiegato questa cosa in un modo comprensibile.

Il mio schermo è un dell u2515h come calibratore uso un colormunki display. Sul sito del produttore del monitor ho trovato questa specifica:

Colori supportati: Gamut di colori (tipico): 91% (CIE1976), 99% sRGB (Delta E medio < 3) .

Quindi dovrebbe coprire l'sRGB ma non il prophoto.

Io ormai sono abituato ad usare lightroom che penso usi il prophoto rgb e credo che non ci sia la possibilità di cambiare lo spazio di lavoro in uso, io almeno non ci sono mai riuscito. cè un modo per farlo lavorare in sRGB o nel mio caso mi resta solo da controllare periodicamente la foto con la prova colore? anche se a dire la verità, ho la percezione che le mie foto siano molto desaturate e prive di contrasto quando non cè il clip nell'anteprima
Link to post
Share on other sites

Guarda mi son reso conto che per essere esaustivo mi sono incartato.
Per farla breve sbagli nel lavorare come racconti...se lavori in prophoto (se vai in preferenze>modifica esterna puoi cambiare il gamut) con attiva la prova colore su srgb ovviamente ogni volta che sfondi quello spazio ti viene segnalato.
Al che tu dovresti andare al pannello HSL/colori e intervenendo su luminosità, saturazione e tonalità  del colore fuori gamut, riportarlo nello spazio srgb.
Tu non intervenendo demandi questa operazione a una serie di calcoli che fa il programma..il problema è che la matematica non ci vede, e può darti risultati ottimi o pessimi...di certo ti da un risultato che è perfetto se guardi l'istogramma ma solo quello.

In pratica io ti consiglio di lavorare direttamente in srgb, a meno che non abbia necessità delle potenzialità di prophoto..e nel caso decida di lavorare comunque in prophoto di intervenire manualmente e non lasciare a un algoritmo il passaggio da uno spazio colore a un altro

Link to post
Share on other sites

non devi convertire ed esportare  nulla, se tu vai nelle preferenze imposti lightroom per lavorare in srgb..il raw non ha spazio colore, ti serve impostarlo solo per avere dei confini da non sfondare..lo spazio colore poi serve nella conversione del file in tif o jpg o per la stampa

Link to post
Share on other sites

Il problema è che in lightroom non si può cambiare lo spazio colore che usa per lo sviluppo. In canon dpp per esempio cè questa opzione. In lightroom ho trovato solo il modo per modificare lo spazio colore per la modifica esterna in photoshop o per altri software di terze parti. Quindi credo che la strada migliore sia quella del consiglio che mi hai dato, cioè correggere il colore in modo da non sfondare poi in srgb.

Link to post
Share on other sites

in effetti io il colore lo do passando photoshop...comunque semplicemente lavori come sei abituato a lavorare, se esporti la foto in jpg srgb, ma vale per qualunque tipo da gamut (la tua stampante, lo stampatore online te ne possono fornire di vari in base a tipo di stampa e carta)  prima di passare all'esportazione, controlli usando la Prova colore e usando il pannello hsl recuperi le zone fuori gamut...così di certo hai il risultato che desideri...altrimenti lasci fare al programma che ricalcola tutto, se il risultato ti garba lo tieni, altrimenti regoli specificatamente solo le foto che risultano convertite male

Link to post
Share on other sites
Il 3/8/2016 at 22:17, fluid dice:

in effetti io il colore lo do passando photoshop...comunque semplicemente lavori come sei abituato a lavorare, se esporti la foto in jpg srgb, ma vale per qualunque tipo da gamut (la tua stampante, lo stampatore online te ne possono fornire di vari in base a tipo di stampa e carta)  prima di passare all'esportazione, controlli usando la Prova colore e usando il pannello hsl recuperi le zone fuori gamut...così di certo hai il risultato che desideri...altrimenti lasci fare al programma che ricalcola tutto, se il risultato ti garba lo tieni, altrimenti regoli specificatamente solo le foto che risultano convertite male

Si proverò a riportare il più possibile in gamut, per le piccole zone rimaste fuori, magari lascio fare al software. Grazie ancora per l'aiuto.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Announcements

×
×
  • Create New...