Jump to content

Collisione tra gocce


Recommended Posts

Buongiorno a tutti.

Sono nuovo del forum, ma sotto consiglio di Roberto ho deciso di aprire questa nuova discussione (spero di non aver creato doppioni...)

Vi piacciono questo tipo di foto?

40680025981_60aa8b9d70_n.jpgCollisione-31-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Quando fuori piove o nevica, o quando semplicemente non avete voglia di uscire, perché non sperimentare a casa?

39784826285_120841eba4_n.jpgCollisione-11-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

40680091821_48cc3d30b8_n.jpgCollisione-25-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Essenziali per questo tipo di foto sono:

beh....lo sappiamo già, un treppiedi e una reflex.....ma soprattutto un flash. Impensabile congelare le gocce ad alte velocità con la sola luce ambiente.

Utile, ma non essenziale, un trigger per poter comandare la fotocamere/flash che ti dia la possibilità di scattare la foto al millesimo di secondo, e soprattutto che ti dia la possibilità di comandare una valvola elettrostatica per generare le gocce. Esistono metodi alternativi per creare gocce (tipo buco su sacchetto di plastica pieno d'acqua, staccio imbevuto....ne ho visto di tutti i colori su YouTube) ma la vedo ardua creare due gocce della dimensione che voglio io e ad una distanza l'una dall'altra ben stabilità...già con il trigger faccio ad ogni sessione più di 200 foto, figuriamoci senza....

40680135651_5634a8cfb3_n.jpgCollisioni-289-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

38869608110_90612368a3_n.jpgCollisioni-132-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Comunque nel mio caso uso il kit della Pluto (https://it.plutotrigger.com) dove hai a disposizione un trigger collegabile alla reflex o al flash e gestibile tramite app con lo smartphone, e una valvola per la creazione di gocce. Non costa tantissimo, ma per chi vuole spendere ancora meno c'è anche il triggertrap che si collega sempre allo smartphone ma che non ha il sistema della valvola e utilizza solo i sensori dello smartphone stesso.....va beh....non dilunghiamoci troppo...

26808939768_dcff926324_n.jpgCollisioni su vetro-17.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Io agisco così: collego via cavo il trigger al flash per avere la massima velocità di scatto (e non essere vincolato alla velocità di sincro...nel mio caso con Canon 6D solo 1/180 di secondo :() e immergo la stanza nel buio completo....o quasi.

------Ricordatevi che ciò che congela la goccia è il flash e non la macchina fotografica----

40680232711_9e1a35fefd_n.jpgCollisioni su vetro-134-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Così facendo posso impostare il tempo di scatto sulla reflex a 2 o 3 secondi (non ha importanza a questo punto....mi basta giusto il tempo di far scendere le gocce) e regolare la potenza del flash in base alle mie esigenze. Più bassa è la potenza e più veloce sarà il flash a congelare l'azione.

40638084542_258523a857_n.jpgCollisioni su vetro-18.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Come ISO cerco di stare il più basso possibile...dipende anche da quanto buia è la stanza.

Quindi ricapitolando: trigger collegato al flash (sul quale imposto una potenza che varia da 1/128 e 1/64) e sulla Valvola (gestibile tramite app in modo da poter impostare dimensione e ritardi tra una goccia e l'altra), reflex in manuale con tempo 2 o 3 secondi, f 8...ma anche qui bisogna fare svariate  prove, ISO basso e.....tanta tanta pazienza

39784984265_e1e8bfeef2_n.jpgCollisioni su vetro-19-Modifica.jpg by Marco Fabris, su Flickr

39785007275_41678796b0_n.jpgCollisioni su vetro-110.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Link to post
Share on other sites

Come liquido uso acqua con qualche colorante alimentare, ma va benissimo anche il latte o il caffè.

Esistono poi anche degli addensanti per rendere più "collosa" l'acqua tipo glicerina o Xanthan Gum (una polvere usata sempre per scopi alimentari o cosmetici usata per addensare....ne basta pochissima).

Poi rubate a vostra moglie delle ciotole di vetro e riempitele fino all'orlo.

Ora siete pronti ad allagare la cucina :D...

Buon divertimento e per altre domande sono qui a vostra disposizione.

PS. si accettano ovviamente anche consigli e critiche

39785028975_da569891aa_n.jpg

38869767530_51648d05a1_n.jpg

38869792090_ab23890df4_n.jpg

Link to post
Share on other sites

Grande guida e ottimi risultati.
Io ci ho provato agli albori della mia passione per la fotografia digitale, ma poi ho scoperto che quando piove e nevica mi piace più stare fuori casa a fotografare, e quando fa caldo... non ho voglia neanche di muovere un muscolo :D
Ci devo riprovare in primavera :P

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Mitico Pluto! Ce l'ho anche io ed è un oggettivo davvero insostituibile in tante situazioni :)

Ottimi scatti, tra l'altro mi hai dato qualche dritta per migliorare i miei esperimenti in questo campo (anche se è una vita che non faccio più nulla con le gocce). Io, ai tempi, usavo lo zucchero per addensare il liquido. Ho sempre fatto scatti senza i coloranti... Solo ora mi domando: perché non li ho mai usati? 

Bravo davvero! Ottime immagini.

Link to post
Share on other sites
  • 1 year later...
Il 3/10/2018 alle 16:53, MarkCanon ha dichiarato:

Grazie mille

 

Carissimo Marco intanto complimenti per le tue foto 😉Ti vorrei chiedere dei chiarimenti.Anche io mi sto dedicato con una certa soddisfazione alla caduta delle gocce ed ai movimenti di fluidi in macrofotografia😁e volevo cominciare a fare "qualcosa" con le collisioni e i relativi cappelli prodotti.Pero' ho notato che per quanto io cerchi di coordinarmi , non sono ancora riuscito a vedere un solo cappello causato da 2 gocce che si scontrano😭Ma e' impossibile solo manualmente, regolando la frequenza delle gocce in caduta e coordinandosi con lo scatto del flash, riuscire nell'intento ?!🤔E' indispensabile dotarsi di "accrocchi" elettronici ?! Grazie Marcello Roma😁

Link to post
Share on other sites

Ciao @Marcelloromano  non so dirti se l'amico @MarkCanon risponderà a questo tuo intervento su una vecchia discussione, anche perchè non si vede nel forum da più di un anno.

Ad ogni modo ti assicuro che se non impossibile è altamente improbabile che si riesca a beccare una collisione con cappello senza l'ausilio di "marchingegni elettronici" in quanto la frequenza di caduta delle gocce è molto alta (parliamo di millesimi di secondo), quindi puoi immaginare come sia difficile catturare quell'istante preciso agendo in modo manuale. 

Link to post
Share on other sites

Bobol intanto grazie per avermi risposto😉ma intanto chiariscimi una cosa 🤔tu fai quel tipo di foto ? In caso di risposta affermativa ti aggiungo che anche io credevo e credo che il coordinamento in questo tipo di foto sia difficile😭pero' e' possibile che in oltre 1000 foto fatte cercando di cogliere il momento giusto non ne abbia azzeccata nemmeno una ?!😱Io ho variato la frequenza delle gocce da quasi un filo continuo a gocce ben separate ma molto vicine le une alle altre.E' possibile che nemmeno una volta io sia riuscito a freezzare  una collisione ?!🤔

Link to post
Share on other sites

Possibilissimo, in che modo crei le gocce? Io ho preso sia il gocciolatore che il Pluto e ti assicuro che è difficile anche con quelli se non sincronizzi bene flash/caduta gocce/grandezza goccia/ritardo tra una goccia e la successiva

Adesso è un po' che non ci riprovo.

Link to post
Share on other sites

Parliamo di millesimi di secondo quindi....si o sei super fortunato o ti prendi (...o realizzi) un aggeggio elettronico che ti sincronizzi reflex/flash/caduta gocce.

Io in questi anni mi sono un poco evoluto e mi sono autocostruito un DropController....con Pluto sei limitato ad una sola valvola purtroppo

http://49760234573_431f386153_c.jpg127E2A78-00EC-4A69-A74E-F5D6820905E8 by Marco Fabris, su Flickr

 

http://48270913897_f03d570843_c.jpgDropCollision Fluo-100.jpg by Marco Fabris, su Flickr

 

http://48270813087_342d080851_c.jpgsplash-41.jpg by Marco Fabris, su Flickr

Link to post
Share on other sites

😱WOWWWWW SPLENDIDE 😉 Ben tornato su questo sito :) 

Adesso e' molto tardi (e' quasi l'una di notte 😭) Domani...se non vai fuori a fare una grigliata sul prato 😂😂😂...posso provare a riprendere il discorso per chiarire quali sono le mie perplessita'🤔

Intanto...Buona notte e BUONA PASQUA😁

Marcello

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Caro Mark caro Bobol rieccomi 😁mi ero perso il sito 😱

Ho dato un'occhiata al sito di Pluto ma mi e' sembrato di capire che il cavetto per utilizzare il gocciolatore con valvola elettronica non sia disponibile per la mia Sony Nex 7 🤔

Comunque..se potete chiaritemi una cosa visto che Voi sicuramente Vi sarete posto a suo tempo le mie stesse domande😉 Io non riesco a capire perche' e' OBBLIGATORIO usare congegni elettronici per fotografare le collisioni ?!🤔 Capisco che sia sicuramente piu' facile che tentare di farlo manualmente contando su una certa dose di ....fortuna😂 ma non riesco a capire perche' sia IMPOSSIBILE😱

Io regolo il rilascio delle gocce usando un deflussore per flebo e posso andare dal filo continuo a gocce variamente spaziate fra di loro.

Come e' possibile che trovando la frequenza giusta per distanziare opportunamente una goccia dall'altra io non sia MAI riuscito ad immortalare una collisione😱😭

Link to post
Share on other sites

Effettivamente non c’è il cavo per la tua macchina, quindi o te lo crei tu (non è altro che un cavo con, da una parte il connettore della tua macchina  e dall’altra il classico jack cuffie da 2,5mm) o..... non saprei 😅....

poi per quanto riguarda gli aggeggi elettronici, in parte hai anche ragione, puoi fare tranquillamente anche con la flebo, ti ci vorrà però molto più tempo e i risultati non saranno spesso bellissimi.

per avere una collisione devi avere almeno due gocce: una che crea il cratere in acqua, che poi risalendo crea il pilastro, e una seconda che, cascando al momento giusto si scontra con il pilastro. Da qui puoi dedurre che i tempi e le dimensioni delle gocce influiscono molto sui risultati. A volte bastano 5 millesimi di secondo per cambiare tutto. Senza considerare poi che devi anche scattare al momento giusto! O hai la vista di Superman o vai a caso tentando la sorte.

ti dirò di più...per avere un pilastro bello alto e avere immagini interessanti hai bisogno di 3 gocce! La prima cade e apre il cratere, la seconda entra nel cratere ancor prima che si chiude....si crea così un bel pilastro alto alto che si scontrerà con una terza goccia.

se riesci a farlo con una flebo sei bravissimo e fortunato

Link to post
Share on other sites

Mark non riesco a capire bene la storia delle 3 gocce 🤔

Con 2 gocce :

La prima si tuffa nell'acqua e crea la corona, immediatamente dopo parte verso l'alto la colonna

La seconda goccia si scontra con la colonna che le va incontro e dovrebbe formare il cappello

Con 3:

Ma se io subito dopo la prima ne faccio arrivare un'altra (che nel conto totale sarebbero quindi 3 ) questa non va ad interferire con la prima e quindi smorzare l'effetto di risalita della colonna invece che enfatizzarlo e quindi la collisione con la terza goccia (che sarebbe quella che deve collidere) si verifica a livello piui' basso ?!?!🤔

 

Spero di essermi fatto capire 😲

Link to post
Share on other sites

No, la prima e la seconda goccia sono molto vicine, cadono in rapida successione. Queste mi creano un grande pilastro. La terza mi va a formare il cappello

prova a vedere questo video. Forse si capisce meglio.

a parte gli “spari laterali” si vedono bene le prime due gocce che creano il pilastro e poi la terza che forma il cappello

https://youtu.be/7qHNS0eeSxw

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...