Jump to content

Intimi segreti


Recommended Posts

Ciao ragazzi,

Tempo fa mi ero iscritto a un concorso fotografico gratuito, dove veniva richiesto di rappresentare un tema a nostra scelta. Io mi ero impallinato con un tema scottante e difficile da rappresentare. Come fare per non ripetere il già visto e non cadere nel banale?

Che mi ero complicato la vita, mi sono accorto solo quando è stato il momento di metterlo in pratica. Bello sapere cosa ne pensate. Se volete sapere come è andata, non sono entrato nei 30 scatti scelti, su 27000 scatti presentati. Sarebbe stato un miracolo!!! :D

Nikon D7200

1/45

f4

24mm

ISO 4000

 

46612283965_bcdddbabac_k.jpgSegreti by Claudio Camossi, su Flickr

 

Link to post
Share on other sites

molto bella, espressiva e drammatica che a mio avviso centra in pieno il tema della violenza sulle donne, lo sguardo di lei che guarda melanconicamente le foto del matrimonio il cui ricordo sembra oramai lontano, la posizione di lei rassegnata mentre "lui" seduto comodamente sulla poltrona con lei ai suoi piedi crea un contrasto di una violenza sorda, un'immagine che trasmette molto e mi sembra strano che non sia stata segnalata, ottima anche la conversione monocromatica che ne accentua ulteriormente la drammaticità, complimenti

Link to post
Share on other sites

Mi piace la conversione e tutto sommato anche lo scatto ,ma come hai rappresentato la violenza, meno .

Mi salta all'occhio il pugno chiuso di lui in quella posizione rilassata sul divano, con l'altra mano sulla coscia, secondo me le due cose non possono collimare e si vede che è troppo in posa, per cui si perde la violenza .

Mi piace molto però la posizione di lei, il fatto che presumo gli abbia tirato l'album del matrimonio e si sia sfasciato, proprio come nella realtà,  ed ora sfiancata lo sta riguardando con amarezza . 
Bello il piede di lui sulla foto per terra . 

Secondo me se ponevi più attenzione a lui, poteva essere un grandissimo scatto . 

Non saprei dirti come avrei posizionato lui, forse in piedi con le gambe semiaperte e dritte, accanto a lei, magari con le mani sui fianchi e la camicia un po' fuori dai pantaloni con la cravatta semislacciata che penzolava tra la giacca aperta ! 

 

Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, loose bridle dice:

Paolo non ci crederai, ma avevo anche quella. L’uomo con le gambe divaricate davanti l’obiettivo che lasciavano intravvedere la figura femminile. Anche altre interpretazioni, ma alla fine ho dovuto fare una scelta. Una sessione di scatti di prova e una definitiva. Una faticaccia!!! 😅

Immagino si la fatica ! 

Link to post
Share on other sites

@phonix e @Paolo Nobili i vostri commenti diversi, riassumono i pareri su una pagina di FB di fotografia, in cui ho pubblicato questo scatto. A molti il messaggio è arrivato forte e chiaro, in alcuni il messaggio risultava poco chiaro. Ma la cosa interessante è che ha fatto molto discutere. Mi ha risposto anche una art director, una artista con cui ho approfondito il suo punto di vista. Una conversazione molto interessante, ma che non mi ha trovato molto d'accordo. Insomma, tutta questa pappardella per dirvi cosa? Voi come avreste affrontato questo tema? Come punto fermo, "Non ripetere il già visto". Esempio: la donna rannicchiata a terra con una mano rivolta all'obiettivo per fermare la violenza (vista un milione di volte), oppure l'uomo in piedi con un bastone in mano (anche questa, l'abbiamo vista anche sui giornali). E' stata comunque una bella esperienza che mi ha insegnato quanto sia difficile sviluppare un tema a volte complesso con una sola immagine!!! Grazie a entrambi per essere intervenuti.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, loose bridle dice:

@phonix e @Paolo Nobili i vostri commenti diversi, riassumono i pareri su una pagina di FB di fotografia, in cui ho pubblicato questo scatto. A molti il messaggio è arrivato forte e chiaro, in alcuni il messaggio risultava poco chiaro. Ma la cosa interessante è che ha fatto molto discutere. Mi ha risposto anche una art director, una artista con cui ho approfondito il suo punto di vista. Una conversazione molto interessante, ma che non mi ha trovato molto d'accordo. Insomma, tutta questa pappardella per dirvi cosa? Voi come avreste affrontato questo tema? Come punto fermo, "Non ripetere il già visto". Esempio: la donna rannicchiata a terra con una mano rivolta all'obiettivo per fermare la violenza (vista un milione di volte), oppure l'uomo in piedi con un bastone in mano (anche questa, l'abbiamo vista anche sui giornali). E' stata comunque una bella esperienza che mi ha insegnato quanto sia difficile sviluppare un tema a volte complesso con una sola immagine!!! Grazie a entrambi per essere intervenuti.

Personalmente non amo e non ho nemmeno mai approfondito,tranne pochissime volte ma per scatti meno significativi,la scena composta per uno scatto,per cui non saprei dire,se non le poche cose che mi sono venute nel commento precedente . 

Comporre la scena per uno scatto di un certo tipo,che non sia "solo" un ritratto intendo,è complesso sia per l'aspetto tecnico ma soprattutto per la composizione della resa finale .
Va studiata una sorta di regia provando la resa dopo lo scatto ! Quello che è la maggior complicazione,credo sia mantenere un distacco e una certo obbiettività,altrimenti è finita perchè dopo qualche scatto,io andrei in palla tipo quando provi tre profumi di seguito e non senti più nulla . 
L'esatto opposto di quando sei in giro e vedi lo scatto passarti davanti,dunque lo cogli . 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Announcements

×
×
  • Create New...