Jump to content

Recommended Posts

E continuiamo con i post.
Prima di andarmene per montagne e valli sabato scorso, il venerdì mi sono goduto un paio di concerti in occasione dell'Atina Jazz Festival - Winter. Atina è un piccolo comune della provincia di Frosinone, in piena Val Comino; il centro storico è veramente ridotto all'osso, con una strada pressoché circolare che perimetra la rocca, e un po' di palazzi e case a fare da contorno al vero centro: la Piazza del Palazzo Ducale, sede del Comune e dell'edizione invernale del festival e piazza Marconi, piazzetta medievale trapezioidale accostata ad un loggiato (palazzo del vescovato) e chiusa da un lato dalla Chiesa principale del paese. Qui invece si tiene l'edizione estiva dell'Atina Jazz.

Il Festival è ormai un punto fermo del panorama locale della musica dal vivo, e da qualche anno ha assunto un rilievo sicuramente regionale, ma anche nazionale. Gli ospiti sono di altissimo livello e fama e la cornice è molto più intrigante e particolare di un auditorium da grande città. E, cosa che non fa male, i prezzi sono decisamente più popolari (quest'anno i concerti sono gratuiti) ed il cibo è decisamente migliore di quello romano o milanese (o fiorentino o torinese, checché ne dicano gli abitanti di queste città :P).

In quest'occasione ha suonato nel pomeriggio il trio di Roberta Di Mario, un'emergente jazz-pop cantautoriale ed in serata il duo Musica Nuda, formato da Ferruccio Spinetti (contrabbasso, occasionalmente voce e pianoforte) & Petra Magoni (voce), che nell'ultimo decennio ha riscosso notevole successo in Italia ed Europa.

La foto di oggi, dopo tutto questo scrivere (se non v'annoio non sono contento), è relativa a questo secondo concerto. Qui tutto il set della giornata, compreso il primo concerto.

13022391973_e9d76195f4.jpg
Tocca a voi! / It's up to you! di Abulafia82, su Flickr

Pentax K-5 + Tair 11A 135/2.8, mano libera.
Exif: M, f/2,8, 1/320, ISO2500

In PP: su Lighroom solite cose.

Link to post
Share on other sites

Purtroppo c'erano questi faretti a terra, diretti verso l'alto, che inondavano tutto di luce rossa, viola e blu a rotazione. Quando i faretti erano particolarmente attivi, i colori in foto sono risultati bruciati ed in alcun modo recuperabili (anche desaturando molto il colore rimane, continuando a desaturare si arriva all'alone grigio senza che si possa attenuare il colore).
Non sono bastati neanche i 14EV di gamma dinamica del sensore per bilanciare la cosa: esponendo bene per i faretti il resto della foto sarebbe risultata scura, se non proprio nera :)

Link to post
Share on other sites

Non riesco ad esprimermi molto su questa foto. Sfondo necessario per contestualizzare il soggetto ma un po fastidioso...dominante rossa fastidiosa, ma se effettivamente era così non ci si può fare molto. Foto che ci sta nel racconto di una serata ma da sola non mi entusiasma come fanno di solito gran parte delle tue foto  :(

Link to post
Share on other sites

Conosco bene il problema delle luci colorate, il Burlesque ne è pieno!

Io rimedio giocando sul pannello HSL selettivamente sui colori che mi interessano, credo che se diminuissi la saturazione del rosso sul braccio riusciresti a guadagnare qualcosa.

 

Passando alla foto, la posa mi piace, il taglio pure è interessante, ma non mi convincono i colori, la trovo un po' troppo gialla per i miei gusti, hai provato a modificare il bilanciamento del bianco?

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Sinceramente, oltre le soluzioni della post-produzione (non sempre possibile, se il canale è bruciato, è bruciato) e della conversione (che adotto spesso e volentieri), la soluzione che utilizzo ormai più frequentemente delle altre è una terza soluzione, estremamente più semplice e brutale: lascio la foto con tutte le dominanti del caso, insomma ignoro bellamente il problema.

Dopo aver passato i primi concerti a cercare di avere chissà quale resa bilanciata mi sono chiesto "ma perché mai devo bilanciare qualcosa che in realtà bilanciato non lo è per nulla?". Visto che non ho trovato risposta, ormai vado avanti così, alla fin fine i concerti sono belli anche per l'apparato visivo, e le luci sono praticamente fondamentali per lo spettacolo.
Me le tengo e tanto piacere :D

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...