Jump to content

Recommended Posts

sarà un caso o solo fatalità,

ma ultimamente quando mi ritrovo a scattare in alcuni posti ed incontro altre persone con la stessa passione mi capita spesso lo stesso tipo di dialogo :

 

2 persona :  ciao, che macchina hai? ( vabbè la solita domanda che si fà ,un po fastidiosa, ma credo che faccia parte della cultura del fotografo, almeno spero)...

 

io :  rispondo per educazione e sempre per educazione domando tu che usi?

 

la risposta ultimamente con molta fierezza è sempre la stessa :

 

 

2persona : no io ormai sono passato ad una compatta olympus...

 

 

ok , chiedo a voi, è solo un caso oppure è un processo che avviene spesso nel percorso di un fotografo??

se si, quali sono i valori aggiuntivi o i valori non aggiuntivi???

 

saluti,

simone

Link to post
Share on other sites

Scusami ma non capisco dove sia la domanda, su quale fotocamera uno usi o se si sta passando dalla reflex alla compatta. Personalmente quando incontro un altro appassionato (vedi un paio di giorni fà davanti ad un tramonto mozzafiato) quello che mi è sfuggito di chiedergli è stato " bello eh......?" riferendomi al paesaggio, e lui " fantastico, ogni tanto ci capito qui per qualche bel scatto". Eravamo il località Porto Caleri e lui veniva da Fossò (VE), solo dopo un po di chiacchiere siamo venuti a conoscenza che lui era un canonista e io un nikonista, ma nulla più.... a parte farmi notare (attraverso l'obiettivo della sua Canon, il fantastico (secondo me) Tamron 17-50 2,8 che mi ha da subito conquistato .... eh si, mi rendo sempre più conto che la differenza non è sul corpo macchina (o non così predominante), ma sulle ottiche utilizzate.

 

Benedetto

Link to post
Share on other sites

La scelta della fotocamera è strettamente legata al genere di fotografia che si fatica per passione o per professione, utilizzare la nuova Nikon D5 (fantastica) solo durante le vacanze per fotografare i pargoli che giocano forse non è la scelta migliore, voler fotografare sport in interni, oppure teatro, o, peggio, danza con la compatta, anche la miglior compatta, non sarebbe al scelta ideale. Si torna alle compatte? Dipende dai bisogni. 

Ovviamente poi contano anche le scelte economiche... per le mie foto la Leica M9 sarebbe l'ideale ma...

 

Phoenix io credo che la differenza la faccia l'accoppiata fotocamera obiettivo, un ottimo obiettivo su una catorcio ormai datato (esempio il nuovo Nikon 24-70 AFS VR su D40) non renderà come lo stesso obiettivo sull'ultimo modello con tutta una serie di particolarità che vanno ben oltre i MP così come la miglior fotocamera, Nikon D5 al momento, darà risultati scadenti con su un fondo di bottiglia

Link to post
Share on other sites

Io in realtà sto vedendo meno reflex ma più obbiettivi buoni, e di solito se incontro qualcuno con la macchina fotografica in un posto che conosco consiglio cosa andare a vedere.
Poi sicuramente in tanti sono passati da reflex a compatte magari di qualità...la ragione è molto semplice qualche anno fa c'è stato un boom che ha spinto tantissimi a prendere la Reflex convinti che il solo cambio di attrezzatura migliorasse le foto.
In più molti si sono buttati sulle reflex senza tenere conto di due fattori fondamentali, le ottiche e la post produzione...in più il tutto è condito da una conoscenza tecnica e compositiva che oserei dire spannometrica..non te ne fai niente della FF se fotografi tuo figlio sempre dall'alto in basso, o se non ti rendi conto che lo stabilizzatore non congela il tempo se fotografi qualcuno in movimento non ti serve a niente tenere gli iso a 200 perché puoi fotografare a 1/20esimo di secondo.
Quindi a quel punto vendi l'attrezzatura e ti fai una compatta come si deve, fine dei pensieri sulle ottiche, basta menate su che programma usare lightroom, e nell'0% dei casi ti porti a casa risultati più che buoni

Link to post
Share on other sites

sarà un caso o solo fatalità,

ma ultimamente quando mi ritrovo a scattare in alcuni posti ed incontro altre persone con la stessa passione mi capita spesso lo stesso tipo di dialogo :

 

2 persona :  ciao, che macchina hai? ( vabbè la solita domanda che si fà ,un po fastidiosa, ma credo che faccia parte della cultura del fotografo, almeno spero)...

 

io :  rispondo per educazione e sempre per educazione domando tu che usi?

 

la risposta ultimamente con molta fierezza è sempre la stessa :

 

 

2persona : no io ormai sono passato ad una compatta olympus...

 

 

ok , chiedo a voi, è solo un caso oppure è un processo che avviene spesso nel percorso di un fotografo??

se si, quali sono i valori aggiuntivi o i valori non aggiuntivi???

 

saluti,

simone

 visto che mi sta capitando più di una persona che fa questo passaggio, la domanda era sul fatto se il processo di un bravo fotografo e passare da una reflex all'uso di compatte oppure la mia è stata solo una fatalità?

comunque se io incontrassi un altro appassionato e se proprio ci dovessi parlare :-) mi piacerebbe parlare in primis del posto di quello che si vorrebbe fotografare, trasmettere e poi magari se percepisco che gli attrezzi del vicino hanno qualche   qualche potenziale in più subentra la curiosità e chiedo

ma sarà che nell'ultime due brevi uscite mi sono capitati due tizi prima l'uno e poi l'altro, si avvicinano nemmeno salutano

che macchina hai??

la trovo una domanda così scontata che a volte mi da fastidio,

e poi in merito alla mia ignoranza, dai maestri ho sempre sentito dire che è una lente a fare la differenza, non un corpo macchina, ma è vera o non è vera sta roba???

:-) :-)

Link to post
Share on other sites

Io in realtà sto vedendo meno reflex ma più obbiettivi buoni, e di solito se incontro qualcuno con la macchina fotografica in un posto che conosco consiglio cosa andare a vedere.

Poi sicuramente in tanti sono passati da reflex a compatte magari di qualità...la ragione è molto semplice qualche anno fa c'è stato un boom che ha spinto tantissimi a prendere la Reflex convinti che il solo cambio di attrezzatura migliorasse le foto.

In più molti si sono buttati sulle reflex senza tenere conto di due fattori fondamentali, le ottiche e la post produzione...in più il tutto è condito da una conoscenza tecnica e compositiva che oserei dire spannometrica..non te ne fai niente della FF se fotografi tuo figlio sempre dall'alto in basso, o se non ti rendi conto che lo stabilizzatore non congela il tempo se fotografi qualcuno in movimento non ti serve a niente tenere gli iso a 200 perché puoi fotografare a 1/20esimo di secondo.

Quindi a quel punto vendi l'attrezzatura e ti fai una compatta come si deve, fine dei pensieri sulle ottiche, basta menate su che programma usare lightroom, e nell'0% dei casi ti porti a casa risultati più che buoni

pienamente d'accordo ,però chi ha le buone intenzioni può sempre imparare, io vorrei imparare a conoscere i vari processi, accoppiate tra fotocamere obbiettivo, insomma tutto ciò che riguarda il mondo reflex,

dalla mia ignoranza potrei immaginare che sarebbe molto più semplice con una compatta ma a chi è che piacciono le cose semplici?

ho postato questa domanda solo perchè credevo che al momento stesse scoppiando il boom delle compatte...

saluti,

simone

Link to post
Share on other sites

La scelta della fotocamera è strettamente legata al genere di fotografia che si fatica per passione o per professione, utilizzare la nuova Nikon D5 (fantastica) solo durante le vacanze per fotografare i pargoli che giocano forse non è la scelta migliore, voler fotografare sport in interni, oppure teatro, o, peggio, danza con la compatta, anche la miglior compatta, non sarebbe al scelta ideale. Si torna alle compatte? Dipende dai bisogni. 

Ovviamente poi contano anche le scelte economiche... per le mie foto la Leica M9 sarebbe l'ideale ma...

 

Phoenix io credo che la differenza la faccia l'accoppiata fotocamera obiettivo, un ottimo obiettivo su una catorcio ormai datato (esempio il nuovo Nikon 24-70 AFS VR su D40) non renderà come lo stesso obiettivo sull'ultimo modello con tutta una serie di particolarità che vanno ben oltre i MP così come la miglior fotocamera, Nikon D5 al momento, darà risultati scadenti con su un fondo di bottiglia

grazie mario per la risposta

:-)

Link to post
Share on other sites

+1 Quoto in pieno. C'è anche da dire che oggi alcune fotocamere con sensore da un pollice, rivaleggiano tranquillamente con le reflex e mirrorless entry/mid level. A quel punto la differenza la fa soltanto un ottimo obiettivo, che come dice giustamente Mario, va comunque abbinato ad una macchina che lo supporti al meglio. Insomma, da un certo livello qualitativo in poi, il salto di qualità lo fai soltanto spendendo una barchetta di soldi.

Se non hai questa volontà, o ti fermi a due/tre obiettivi discreti, magari buttandoti poi sul vintage, oppure conviene comprare una fotocamera con sensore da un pollice che si adatti il più possibile alle proprie esigenze, che in questo caso possono essere di due tipi: ho bisogno di lunghezze focali corte, allora sony RX100 II o III, panasonic LX100, canon G7X o, se basta l'ottica fissa, Fuji X100S o X100T. Voglio una discreta escursione focale senza perdere qualità: Sony RX10 o Panasonic FZ1000. A queste ultime due, sto pensando molto seriamente.

grazie , molto chiaro :-)

Link to post
Share on other sites

Sarei curioso di vedere le differenze sostanziali con un'abbinata (rimanendo in Nikon in quanto più vicino alle mie conoscenze) senza andare sulla D4s o la prossima uscita la 5s ma fermandosi alla D810 o ancora d750 con ottica (quella indicata da Mario il Nikkor 24-70 2,8) e una D7100 o D7200 sempre con la stessa ottica, se appunto riprendendo il discorso dall'inizio, la differenza è o risulta evidente sia a monitor che in stampa?.....

Magari in merito ci risponde fedepan in quanto mi sembra ci sia passato, magari non con l'ultimo nato il 24-70 ma con uno equivalente.

 

Benedetto

Link to post
Share on other sites

+1 Quoto in pieno. C'è anche da dire che oggi alcune fotocamere con sensore da un pollice, rivaleggiano tranquillamente con le reflex e mirrorless entry/mid level. A quel punto la differenza la fa soltanto un ottimo obiettivo, che come dice giustamente Mario, va comunque abbinato ad una macchina che lo supporti al meglio. Insomma, da un certo livello qualitativo in poi, il salto di qualità lo fai soltanto spendendo una barchetta di soldi.

Se non hai questa volontà, o ti fermi a due/tre obiettivi discreti, magari buttandoti poi sul vintage, oppure conviene comprare una fotocamera con sensore da un pollice che si adatti il più possibile alle proprie esigenze, che in questo caso possono essere di due tipi: ho bisogno di lunghezze focali corte, allora sony RX100 II o III, panasonic LX100, canon G7X o, se basta l'ottica fissa, Fuji X100S o X100T (queste con sensore APS-C). Voglio una discreta escursione focale senza perdere qualità: Sony RX10 o Panasonic FZ1000. A queste ultime due, sto pensando molto seriamente.

Per esperienza diretta la differenza fra le compatte da un pollice e una FF è notevole ed evidente non solo in termini qualitativi (profondità di campo, gamma dinamica, nitidezza, rumore...) ma anche in termini di ergonomia e usabilità, la messa a fuoco sulle compatte è approssimativa, il fatto di inquadrare sul monito invece che sul mirino favorisce l'insorgenza del mosso a tempi che sulle reflex sono considerati sicuri, posizione ed ergonomia dei comandi... in poche parole tra una compatte ed una ff c'è e ci sarà sempre un abisso... ciò non toglie che per determinati scopi sia meglio una compatta di una reflex anche dia sta gamma, lo ripeto la differenza non è oggettiva ma soggettiva, tutto è subordinato all'uso che se ne fa.

Link to post
Share on other sites

Sarei curioso di vedere le differenze sostanziali con un'abbinata (rimanendo in Nikon in quanto più vicino alle mie conoscenze) senza andare sulla D4s o la prossima uscita la 5s ma fermandosi alla D810 o ancora d750 con ottica (quella indicata da Mario il Nikkor 24-70 2,8) e una D7100 o D7200 sempre con la stessa ottica, se appunto riprendendo il discorso dall'inizio, la differenza è o risulta evidente sia a monitor che in stampa?.....

Magari in merito ci risponde fedepan in quanto mi sembra ci sia passato, magari non con l'ultimo nato il 24-70 ma con uno equivalente.

 

Benedetto

Io ti posso dire, per esperienza diretta, che le differenze fra D700 e D200 sono notevoli, le ho usate entrambe con 17-35 AFS 2,8; 24-70 AFS 2,8 e 70-200 AFS VRII, differenze di immagine, resa dinamica, profondità di campo e risposta agli alti ISO, poi anche operative, rapidità di messa a fuoco ad esempio. La storia che è solo la lente che fa la differenza valeva sui copri a pellicola, e non sempre, e a parità di pellicola usata. Un 105 1,8 su Nikon F2 dava risposte nettamente diverse se usato con un Kodachrome 64 o Kodak Gold, lo stesso 105 1,8 usato con kodachrome 64 su una F2 o una F3, a parità d'esposizione, sostanzialmente dava risultati molto simili.

Link to post
Share on other sites

Ahahaha Bella domanda... !!!! Arrivo anche io a tirare l'asso di bastone così oggi mi prendo un po' di Vaff Generali....

 

Intanto parto dall'inizio, lo so che sembra difficile da Credere ma la differenza più grande la fa il fotografo... sempre!!!!

 

Detto questo entriamo nel tecnichese...

 

 

 

 
Andando nel tecnico, per quanto mi riguarda la differenza principale la fanno le ottiche! L'ottica farà sempre la differenza!!!! Sono in parte d'accordo con il Signor Mario quando dice che una lente di ultima generazione renderà su una d40 in modo diverso rispetto a quanto renderà su una d5 o d810... ovviamente. Ma se avessi una d40 per dire e soldi da spendere, preferirei investirli in una lente nuova prima che nell'upgrade del corpo macchina... Perchè a partià di condizione il vetro viene prima, poi c'è ovviamente tutto il resto e qui ti rispondo alla tua domanda inziale:
 
Molti passano a compatte perchè ora come ora fa più figo, va di moda, si sentono tutti robert capa ed effettivamente sono più comode per chi ne fa un uso prettamente vacanziero reportagistico e non vuole portarsi troppo peso dietro...
 
E' anche vero cosa nn capisco e che ho sempre odiato ( il fotoamatore fa sempre la domanda te che macchina hai? figurati che durante un servizio di matrimonio uno mi chiese che macchina avevo, io ho risposto d4s, lui mi ha guardato strano e mi ha chiesto quanti megapixel avesse... io risposto 16 e lui mi ha detto in modo compassionevole mostrandomi la sua d5300 : la mia ne ha 24 se ti serve te la presto ) come mai il fotoamatore medio ragioni in termini reflex = grandi ottiche e grandi zoom, quindi la reflex si accoppia con vari 24-300 , 70-200, 18-100 milioni e poi si compra la olimpus con il 24 fisso ... 
 
Scusa sono andato OT, comunque le compatte sono comode, ma a parità di condizione faticano più delle relfex, ( sony alpha escluse che sono mirrorless full frame) hanno un parco ottiche meno vasto e quindi hai meno possibilità di scelta non solo nel nuovo, ma anche nell'usato che è ricchissimo di occasioni ed ottiche professionali a cifre accettabili

 

 

 

La differenza Benedetto io l'ho detto tante volte non c'è! Il problema è che non c'è differenza per come tu hai posto la domanda... perchè si ragiona sempre in termini assoluti... io lavoro l'ho detto tante volte con la d4s e la d750 e ti posso dire che per te e probabilmente per molti fotografi le differenze guardandole dopo non ci sono anzi, meglio la 750 o la d810 ( avuta anche quella ) che si può croppare di più, che ha più dinamica così quando si va di chiarezza a destra con lightroom le foto so ancora più fighe...

 

Però per me la differenza c'è e non in termini di stampa o di crop ma i termini di, mi porto sempre a casa la foto... perchè:

 

  1. la d4s ha un esposimetro meraviglioso, le foto manco le devi post produrre quasi, bianchi perfetti, luce perfetta, non canna mai un colpo
  2. L'autofocus è commovente in qualsiasi condizione di luce e pessima luce
  3. Tira raffica da paura, 11 scatti al secondo e quando per me devo beccare il momento speciale del lancio del riso all'uscita da una chiesa, o il pilota che salta fuori dalla macchina nell'attimo in cui guarda la fidanzata o... tirare raffiche come quelle aiuta e parecchio!
  4. Quando piove, c'è la bufera, il diluvio, la d4s la posso lasciare anche in giardino senza preoccuparmi.

 

Ti direi delle iso, anche se ormai, per me con le ottiche uso è difficile che le varie d750 o d810 non siano all'altezza ma quando c'è stato bisogno la 4s l'ho usata a 24000 iso senza problemi...

 

E quando è buio, hai bisogno di stare a 18.000 iso, le altre macchine hanno l'autofocus che va su e giù fra infinito e non... la d4s gli dai +1 exp, un 1/400 ed 18000 iso ti porti a casa una foto così che sembra fatta con il flash o con le luce artificiali ed invece sfrutta solo le luce colorate di un impianto disco di campagna 

.....

 

Ecco perchè ti dico, non è quanto fa la differenza in stampa ma quanto fa la differenza riuscire ad avere la foto da portare a stampare piuttosto che non averla...

 

A tutto questo aggiungo quanto detto prima in altro ( il fotografo fa sempre la differenza )

wedding-rignana-134.jpg?904594

che dire, intanto grazie per l'intervento, essendo ancora io ignorante in materia ho postato la domanda perchè a primo impatto (tecniche a parte) mi è sembrato piu un passaggio come dici tu in alcuni casi per sentirsi più fighi, ogni tanto prima di mettere in atto la malizia è sempre meglio documentarsi con chi di sicuro ne capisce più di me,

io ho trovato voi che siete più di un click su google, piu' di un corso, ma soprattutto siete sempre disponibili...

grazie per tutte le info..

buona giornata

simone

Link to post
Share on other sites

Ecco.... hai risposto alla grande, innanzitutto nell'esprimere il concetto che la foto non la fa la fotocamera ma chi ci sta dietro, e poi sul fatto che per i non professionisti, cioè non per quelli che se non porti a casa lo scatto, non porti a casa la pagnotta :) , ma per chi ama riprendere le bellezze, le emozioni che si incontrano nel corso del vivere allora (secondo me) basta e avanza anche una fotocamera entry level, che con ottiche (non dico importanti cioè da migliaia di euro) ma dei vetri che seppur "economici" in quanto in fotografia non c'è niente di economico specialmente gli obiettivi), sicuramente fanno la differenza.

E come disse Elliot Erwitt "tutta la tecnica del mondo non può compensare il fatto di non essere in grado di notare le cose".

 

Benedetto

Link to post
Share on other sites

Da fotoamatore nikonista ti posso dire, quasi con certezza in quanto nulla è dato per certo, che il mio prossimo passo sara molto probabilmente la D7100, mentre per le ottiche sono orientato più sugli zoom (non ci posso fare a meno di inquadrare ciò che voglio e come voglio, anche sul ciglio di un fiume anche a discapito di una + o - evidente qualità) quindi andrei di zoom Tamron 17-50 o Sigma 17-70 e Tamron 70-300 il VC USD per intenderci, terrei comunque il 35mm 1,8 che già posseggo ;)  e che ci convivo seppur con odio-amore.

 

Benedetto

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...